Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica Tiritì, i cittadini ricorrono al Tar
Codacons e comitato contro l'ampliamento

Alcuni abitanti di Motta Sant'Anastasia, riuniti in un comitato che si oppone all'allargamento della discarica della Oikos spa, affiancati dal Codacons, hanno firmato un ricorso al decreto del 2009 che autorizza l'espansione del sito. Assieme a quelli dei Comuni di Motta e Misterbianco, sono quindi tre i procedimenti che si oppongono all'aumento della portata della struttura. «Lo scopo è impedire un ampliamento così massiccio a ridosso dei abitazioni», spiega il legale

Carmen Valisano

L'avevano promesso e alla fine ci stanno riuscendo. I cittadini di Motta Sant'Anastasia hanno notificato il ricorso contro il piano regionale per la gestione dei rifiuti in Sicilia e il decreto d’autorizzazione d’ampliamento della discarica di contrada Tiritì. A differenza delle due amministrazioni comunali coinvolte, Motta e Misterbianco - che possono ricorrere solo contro il piano approvato dal ministero dell’Ambiente lo scorso 6 luglio - i cittadini mottesi, affiancati dal Codacons Sicilia, intendono bloccare il decreto del 2009 che autorizza l'ampliamento della struttura nella contigua contrada Valanghe d'inverno.

«I cittadini ne sono venuti a conoscenza adesso, attraverso il piano rifiuti», spiega Danilo Festa, consigliere comunale del Pd e membro del comitato che si oppone all'ampliamento. «Al momento, sull'argomento, ci sono tre ricorsi - spiega Mauro Di Pace, legale che cura il procedimento - Due presentati dai Comuni e quello dei cittadini. Solo l'ultimo si rivolge al decreto che autorizza il piano». Bloccare il problema alla sua origine, dunque, questo il progetto. «Lo scopo è impedire un ampliamento così massiccio a ridosso dei Comuni», continua l'avvocato. Il sito, gestito dalla Oikos spa, si trova accanto alle abitazioni di Misterbianco. A separare la valle di spazzatura dalle prime case solo la strada statale 121, la Catania-Paternò. All'attuale sito che ospita immondizia per quasi due milioni di metri cubi, si aggiungerebbero altre tre vasche - due quasi terminate, una in fase di scavo - dalla capacità di 2,5 milioni di metri cubi.

La normativa che regola il funzionamento degli Ato prevede che ciascun territorio smaltisca da sé i rifiuti, in un'ottica di riciclo sempre maggiore. Ma la discarica di contrada Tiritì è sempre più uno dei siti emergenziali principali della Sicilia. A luglio ha ospitato i rifiuti palermitani e trapanesi durante l'incendio devastante che ha bloccato per lungo tempo la discarica di Bellolampo, a Palermo. A breve accoglierà l'immondizia proveniente dal Ragusano. Con l'ulteriore ampliamento, aumenterà anche la disponibilità ad accettare rifiuti non prodotti nella provincia di Catania. «Eppure - spiega l'avvocato Di Pace - potenziare la filiera del riciclo sarebbe uno stimolo incredibile per le aziende locali».

Al momento sono 18 i firmatari, tutti mottesi. I vicini misterbianchesi, invece, affiancheranno il proprio Comune nel ricorso al solo piano regionale. «Queste 18 persone sono la punta dell'iceberg. E' una scommessa nella quale crediamo molto», chiarisce il legale. A breve verrà indetta una riunione pubblica per fare il punto della situazione e avviare una colletta per sostenere le spese legali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×