Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, i funerali delle vittime della statale 121
Folla e dolore. È aperta l'indagine sul guidatore

Una celebrazione unica, all'interno di una chiesa Madre gremita, per ricordare i quattro ragazzi morti domenica mattina lungo la ss 121. Il solo superstite è il 40enne Giuseppe Cusimano, al momento ricoverato al Cannizzaro. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

«Quella di stasera è una tragedia. In 46 anni di servizio in questa chiesa non avevo mai fatto una celebrazione come questa», sono le parole con cui padre Giuseppe Calambrogio apre l'omelia di oggi pomeriggio per il funerale unico delle quattro vittime del terribile incidente di domenica mattina. Una funzione molto affollata, con un migliaio di partecipanti, molti dei quali in lacrime, a riempire la chiesa Madre di Adrano e lo spazio esterno. A fare da cornice il grande dolore di familiari e amici di Salvatore Moschitta, 20 anni, Erika Germanà Bozza, 15 anni, Lucrezia Diolosà Farinato, 28 anni, e Manuel Petronio, 17 anni.

«Che bello vedere parenti e amici così numerosi, significa che ci vogliamo bene - prosegue il parroco durante l'omelia - Ma se questo dovesse durare solo qualche giorno o settimana sarebbe triste. Un poeta dice che la rosa ha vissuto lo spazio di un mattino. Non è così. Noi vivremo per l’eternità». Davanti all'altare, una accanto all'altra, le bare delle quattro vittime. A ricordarle ci sono tante magliette bianche con i loro nomi, ma anche palloncini e striscioni. Uno di questi, con la scritta «nessuno muore nel cuore di chi resta», è dedicato ai due fidanzati Erika e Salvatore. Ed è proprio la mamma della 15enne a prendere la parola per leggere un messaggio: «Ti voglio dire che mi mancherai tantissimo. Devo darmi tantissima forza perché devo sostenere tua sorella, ieri mi ha detto che gli sei apparsa in sogno e le hai parlato. Salvo - dice riferendosi al fidanzato - tu eri il figlio maschio che non ho mai avuto».

I quattro hanno perso la vita domenica mattina lungo la strada statale 121. L'unico superstite è il guidatore della Seat Leon, il 40enne Giuseppe Cusimano. L'uomo, che al momento si trova ricoverato nel reparto di Ortopedia dell'ospedale Cannizzaro, è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio stradale. Nello schianto Cusimano ha perso la fidanzata, la 28enne Diolosà Farinato.

Sono ancora diversi gli aspetti da chiarire che ruotano attorno all'incidente. A partire dalla velocità con cui viaggiava la macchina diretta ad Adrano dopo la notte che i giovani avevano trascorso in discoteca. Il mezzo è stato letteralmente spezzata in due dopo lo schianto con una cuspide, posta in prossimità della diramazione per la frazione di Piano Tavola. Il guidatore, secondo procedura, è stato sottoposto anche all'alcol test ma, almeno per il momento, non si conoscono i risultati.

Intanto lunedì prossimo, per fare il punto sulle misure di sicurezza stradale nell'arteria che collega Misterbianco a Paternò, il prefetto di Catania, Claudio Sammartino, ha convocato una riunione sulle iniziative, anche di vigilanza e controllo, per incrementare la sicurezza. Parteciperanno l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, i responsabili delle forze dell’ordine, i comandanti delle polizie locali dei Comuni che ricadono lungo le statali 121 e 284.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews