Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Furbetti Piedimonte, parla la ministra Dadone
«Rigore verso chi prende in giro la collettività»

L'esponente del Movimento 5 stelle dedica una riflessione all'inchiesta che sta terremotando il piccolo centro in provincia di Catania. Il sindaco Ignazio Puglisi conferma la promessa di costituirsi parte civile invocando al contempo la presunzione di innocenza

Francesco Vasta

Il caso furbetti a Piedimonte Etneo «esige ancora una volta rigore e severità nei confronti di chi vive alle spalle della Pubblica amministrazione e prende in giro la collettività intera». Un tweet della ministra della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone porta l'inchiesta che ha investito il piccolo Comune alle falde dell'Etna nel vivo del dibattito politico nazionale. L'esponente del Movimento 5 stelle sintetizza così le contromisure che le istituzioni devono adottare in questi casi: «Punire i colpevoli e valorizzare i meritevoli: due azioni da condurre sempre in parallelo». 

In mattinata erano stati i carabinieri e la procura di Catania a diffondere nuovi elementi sull'inchiesta svoltasi nel 2015, culminata in 48 avvisi di conclusione indagini che ipotizzano il reato di truffa aggravata ai danni dello Stato. Più della metà dei dipendenti dell'ente - qui l'elenco completo - sono accusati di aver strisciato il badge di colleghi assenti e di essersi assentati per «dedicarsi alle attività più disparate, dal fare la spesa, distribuire quotidiani, al curare i propri interessi nelle loro abitazioni private o nelle seconde case di campagna», si legge negli atti. Circostanze anticipate su MeridioNews nei giorni scorsi. 

Il dettaglio che più ha fatto discutere, nelle ultime ore, è l'ipotesi che fossero anche alcuni figli dei dipendenti, minorenni presenti negli uffici del Comune, a timbrare il cartellino per i propri familiari. «Appare oltremodo significativo, ai fini della comprensione dell'elevata percezione d'impunità da parte degli indagati - osservano i magistrati catanesi - il fatto che siano stati talvolta utilizzati anche dei minorenni per la vidimazione dei badge, commessa, addirittura, in una occasione, alla presenza di una ispettrice della polizia municipale».

Il sindaco Ignazio Puglisi ha commentato la notizia su Facebook ribadendo che «il Comune di Piedimonte Etneo si costituirà parte civile nell'eventuale processo». «Eventuale - ha sottolineato - perché a oggi nessun rinvio a giudizio è stato disposto e, fino a prova contraria, vige il principio della presunzione di innocenza». A rispondere alla ministra, invece, chi l'aveva preceduta al governo, ovvero Giulia Bongiorno: «Nel Catanese badge strisciati anche da ragazzini - ha scritto sempre su Twitter - ora il nuovo ministro spieghi perché ha svuotato la legge contro l'assenteismo». La leghista aveva promosso il cosiddetto Decreto concretezza, divenuto legge in estate: tra le misure anti-furbetti previste la «verifica biometrica» per contrastare l’assenteismo. Ovvero impronte digitali o lettura dell’iride.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews