Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Comune, per la Corte dei conti è «paralisi»
Orazio Licandro: «Dissesto già in atto»

«Il Comune di Catania è in dissesto». Lo afferma il coordinatore della segreteria nazionale dei Comunisti italiani commentando l'ultima relazione della Corte dei conti sullo stato delle casse comunali. 127 pagine di analisi dalle quali emergono «121 milioni di euro di debiti delle sole partecipate, 37 milioni di debiti fuori bilancio una situazione definita irrecuperabile». Leggi il documento

Leandro Perrotta

«La Corte dei conti della Sicilia non fa altro che ribadire quello che noi abbiamo detto quattro anni fa: il Comune di Catania è in dissesto». Non usa mezzi termini Orazio Licandro, coordinatore della segreteria nazionale dei Comunisti italiani, commentando l'ultima relazione dell'organo di controllo sullo stato finanziario dell'amministrazione etnea, datata 9 novembre. Ben 127 pagine di puntuale analisi dell'amministrazione cittadina dal 2003 al 2010, corredate di tabelle riassuntive, nelle cui conclusioni, a pagine 107, emerge «la sostanziale paralisi dell'ente per la quale al momento non appare possibile una inversione di tendenza che renda possibile l'equilibrio finanziario». Una condizione che, per Licandro è «chiaramente frutto della cattiva gestione delle amministrazioni di Umberto Scapagnini e Raffaele Stancanelli», e le parole dei revisori sembrerebbero dargli ragione. «Il primo disavanzo di 40 milioni si ebbe nel 2003» si legge chiaramente a pagina tre della relazione dei giudici amministrativi. «Nelle giunte di centrosinistra il Comune era in attivo, mentre nel 2007 il passivo era già di 880 milioni di euro», commenta Licandro.

[caption id="attachment_60728" align="alignleft" width="212"] Indagine della Corte dei conti Sicilia sul Comune di Catania del 9 novembre (pdf)[/caption]

Tra le situazioni più gravi per le casse pubbliche evidenziate dalla Corte dei conti, un debito che per le sole società partecipate comunali è di ben 121 milioni di euro, mentre i crediti ormai non esigibili da parte del Comune di Catania superano i 140 milioni di euro. Due problemi ai quali l'amministrazione Stancanelli ha tentato di porre rimedio con due provvedimenti, al voto in questi giorni in Consiglio comunale. Ma destano, per Licandro, particolare preoccupazione i  debiti fuori bilancio. Quelli già riconosciuti ammontanto ad oltre 16 milioni di euro, mentre ulteriori 20 milioni di euro sono debiti ancora da riconoscere. Senza considerare la recente sentenza che condanna il Comune al pagamento di ben 22 milioni di euro alla Fasano Costruzioni di Salvatore Massimino. «Una situazione della quale è responsabile anche il Consiglio comunale, che si è reso complice dell'amministrazione», commenta Licandro. Che, dalla relazione della Corte, tira fuori due punti controversi. «L'amministrazione Stancanelli si vanta di aver ridotto i dirigenti da 55 a 33 in questi anni - continua Licandro - Eppure la spesa per i dirigenti è aumentata comunque da tre milioni e 300mila euro a tre milioni e 500mila euro», spiega l'esponente dei Comunisti italiani. Ma il vero «scandalo», per Licandro, sono «i contributi dati per l'acquisto di abbonamenti al calcio Catania e soprattutto i contributi volontari erogati ai partiti politici. La Corte dei Conti non scrive di che cifra si tratti, ma vogliamo sapere nel dettaglio il motivo di questi finanziamenti, anche se fossero solo dieci centesimi».

Si arriverà alla dichiarazione di dissesto dunque? «Il dissesto è già in atto», afferma sicuro Licandro che tiene a precisare come «se nel 2008 fosse stato dichiarato dissesto, oggi avremmo una amministrazione sana». Il riferimento è ai 140 milioni di fondi Cipe dirottati dal governo Berlusconi nel 2008 dalla loro destinazione originaria - il completamento di numerose opere pubbliche nella città -  per consentire il salvataggio finanziario del Comune. «Soldi che hanno solo ritardato il dissesto, come dice chiaramente la Corte dei Conti», conclude il politico. Adesso, tutto è nelle mani del Consiglio comunale, che è chiamato al voto del rendiconto 2011 entro domani 20 novembre, e del bilancio di previsione 2012 entro fine mese.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.