Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Catania c'è il fotovoltaico che viene dal futuro
Enel e 3Sun svelano i segreti dello stabilimento

Alla Zona industriale l'opening della catena di montaggio degli esclusivi pannelli bifacciali. Una produzione «unica al mondo», mostrata al pubblico dai vertici delle due società all'avanguardia nel campo delle rinnovabili

Francesco Vasta

Sulla «fabbrica del sole» incombono i nuvoloni del maltempo di queste ore. Ma figurarsi se questo può intaccare il frizzante e ottimistico clima che si respira all’interno dello stabilimento Enel Green Power - 3Sun di Catania. Tutt’intorno la desolazione di una zona industriale assai malridotta. Buche, viadotti chiusi, industrie in dismissione e gli allagamenti tristemente noti che, comunque, sembrano quasi non esistere quando si entra a contatto con il futuro. Non letteralmente, perché nel tour fra le linee di produzione dell’impianto il protocollo è rigido, l’ambiente assai protetto. Nella fabbrica di produzione fotovoltaica «più automatizzata al mondo» non c’è spazio per la minima sbavatura. Tanto che pure per spostare le preziose barre di silicio, acquistate dalla Cina, da un posto all’altro serve un robot che somiglia a quello di Star wars. Attraverso migliaia di queste cellette vengono costruiti a Catania i nuovi pannelli fotovoltaici bifacciali. Li si assembla in tecnologia a eteroingiunzione, usando cioè due tipi diversi dello stesso minerale, il silicio amorfo e il cristallino.


«Al mondo, in questo momento, lo facciamo solo noi», ripetono allo sfinimento Antonio Cammisecra e Antonello Irace, rispettivamente amministratore delegato di Enel green power e responsabile 3Sun. Sono loro due le guide per i gruppi di visitatori a cui la fabbrica è stata aperta in occasione dell’opening ufficiale. Tecnicamente, da oggi lo stabilimento etneo di 3Sun - dal 2015 azienda controllata al 100 per cento da Enel green power, la società del gruppo Enel che si occupa di rinnovabili – immette sul mercato pannelli a tecnologia HJT, garanzia di alte performance e basso degrado del modulo fotovoltaico. In soldoni, la vera svolta arriva dal fatto che anche il retro del pannello può produrre energia grazie ai raggi del sole. L’efficienza aumenta di oltre il 20 per cento, per una «potenza nominale» pari a 400 watt. Tutti dati ripetuti con dovizia agli ospiti della mattinata.

L’investimento è notevole, da 80 milioni di euro, in parte provenienti dal programma europeo di ricerca Horizon 2020, in parte dal ministero dello Sviluppo Economico e dalla Regione Siciliana. I pannelli bifacciali sfruttano «l’albedo del suolo», ovvero il potere riflettente di ogni superficie. Noi usiamo solo albedo naturale», precisano i due manager, ovvero si evita di stendere laminati e altro materiale artificiale sul terreno. «La prima produzione che sarà frutto di questo stabilimento verrà impiegata in progetti in Spagna e Stati Uniti, pensiamo verso metà dell’anno prossimo». Nel frattempo, la «fabbrica del sole» sarà arrivata ad operare a ciclo continuo, 24 ore al giorno per 365 giorni l’anno, e di produrre circa 1400 pannelli al giorno per complessivi 500mila l’anno. Tutti più robusti del normale, capaci di «durare anche più di 35 anni».

L’intera struttura da lavoro a circa 300 persone, cui si aggiunge l’indotto stimati in altre 600 unità. Se tutto automatizzato, l’uomo che fa? «Sfruttiamo i nostri operai per i compiti ad alta specializzazione, in Cina invece, dove il costo del lavoro non è paragonabile al nostro, molte delle fasi qui automatizzate vengono compiute da persone in carne e ossa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews