Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Prg Catania, approvate in nottata le direttive generali
Pogliese esulta. Adesso l'iter per lo schema di massima

Si tratta solo del primo, formale, passo, ma Catania attende un nuovo strumento urbanistico da decenni e così c'è comunque da festeggiare. Il consiglio comunale approva le linee guida volute dall'amministrazione, integrate da decine di emendamenti

Redazione

Intorno all'1.30 si è chiuso il tribolato percorso delle direttive generali per il futuro Piano regolatore generale di Catania. E può esultare, dopo aver faticato, il sindaco Salvo Pogliese. Le linee guida che sembravano aver davvero frantumato la maggioranza consiliare passano invece con 20 voti favorevoli su 25 presenti in aula. È l'epilogo della guerra degli emendamenti che aveva portato a qualche rinvio e che ieri ha portato all'esame dell'aula ben 166 emendamenti. Molti respinti o ritenuti inammissibili, molti altri «fatti propri» dall'amministrazione comunale e approvati per la gioia di gruppi consiliari finora insofferenti come Forza Italia e Grande Catania.

Il sindaco ha poi affidato le sue sensazioni a un comunicato: «Non esito a definire questo momento uno spartiacque rispetto al passato, un atto concreto per recuperare parte del tempo inspiegabilmente perduto, un immobilismo che abbiamo impedito a qualcuno di perpetuare evitando altri danni alla città». Chiara la stoccata all'opposizione e all'ex primo cittadino Enzo Bianco, in aula assai ficcante nei confronti della maggioranza prima di abbandonare i lavori. Per Pogliese, in soldoni, se Catania aspetta un Prg da cinquant'anni la colpa non può certo essere di un'amministrazione insediatasi a giugno 2018.

Le direttive generali approvate ieri dal Consiglio costituiscono «il primo step» per la redazione del nuovo Prg. Adesso il Comune dovrà pensare a scrivere lo schema di massima dello strumento urbanistico. «Sempre con il sistema del confronto aperto e partecipato», promette il sindaco. Tra le linee guida aggiornate grazie agli emendamenti dei consiglieri, figurano indirizzi su saldo zero del consumo del suolo anche attraverso la delocalizzazione dei volumi esistenti e la rigenerazione urbana di periferie e centri storici. «Particolare attenzione - sottolinea l'amministrazione è data al sistema della mobilità e dei trasporti, attraverso il tema prioritario dell’intermodalità». Come anche suggerito da alcuni emendamenti, si dovrà tener conto della programmazione e delle opere in corso di realizzazione di ferrovia, aeroporto, porto, metropolitana Fce e Amt.

Infine, spazio alle migliori soluzioni per la riqualificazione del waterfront, ricreando un sistema di relazioni tra la città, il porto, la ferrovia, anche valutando gli esiti del concorso internazionale di idee in corso di espletamento», ma anche azioni volte alla «mitigazione dei rischio sismico, idrogeologico e climatico».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews