Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tir, rinviato lo sciopero del 24 novembre
Forconi e autotrasportatori si dividono

Giuseppe Richichi, leader del sindacato Aias, fa marcia indietro e revoca lo sciopero previsto dal 24 al 28 novembre. Non ci sarà dunque il blocco dei mezzi pesanti, almeno per ora. «Mancano gli interlocutori istituzionali», spiega. Nel frattempo si rompe forse definitivamente l'asse con i Forconi, ricevuti martedì dal governatore Rosario Crocetta, che avevano bloccato la Sicilia lo scorso gennaio. «Da un lato invocano la rivoluzione, dall’altro sono soddisfatti dell'incontro con il presidente. Non capisco qual è il loro obiettivo». Mentre il leader degli agricoltori è a Roma per incontrare altri movimenti

Salvo Catalano

Lo sciopero degli autotrasportatori annunciato nei giorni scorsi da Giuseppe Richichi, leader del sindacato Aias, che sarebbe dovuto iniziare sabato, non si farà. I siciliani, preoccupati al ricordo del blocco che paralizzò la Sicilia a fine gennaio, possono tirare un sospiro di sollievo. Almeno per ora. «In questo momento non ci sono le condizioni perché mancano gli interlocutori istituzionali – motiva il dietrofront Richichi – a Roma si aspetta il nuovo governo politico per prendere decisioni sulla nostra categoria, mentre Crocetta si è appena insediato e deve avere il tempo per analizzare la situazione».

Dunque niente blocco dei mezzi pesanti dal 24 al 28 novembre come preannunciato, così come sembra essere saltato l’asse tra autotrasportatori e agricoltori. I due leader, Richichi per l’Aias e Mariano Ferro per il movimento dei Forconi, si sono

[caption id="attachment_61324" align="alignleft" width="225"] I Forconi ricevuti dal governatore Rosario Crocetta[/caption]

incontrati a Catania, ma questa volta non hanno scelto di unire le loro strade. «Meglio non mischiare rivendicazioni di diverse categorie, ognuno si faccia la sua politica», attacca Richichi. «Le singole vertenze da sole non vinceranno mai, bisogna unire le battaglie», replica Ferro che martedì, insieme a una delegazione dei Forconi, è stato ricevuto a palazzo D’Orleans dal neogovernatore Rosario Crocetta. «Abbiamo parlato non solo di agricoltura, ma anche di Serit, edilizia e di applicazione integrale dello statuto siciliano», spiega Ferro.

Dopo una campagna elettorale che li ha visti su fronti opposti, quello di Palermo, tra Crocetta e Ferro, è stato invece un incontro dai toni concilianti. «Siamo d’accordo con le istanze del governatore, per questo vogliamo lasciargli qualche mese per vederlo all’opera», sottolinea il leader di Avola. Nel frattempo però i Forconi non stanno a guardare . Nei prossimi giorni Mariano Ferro andrà a Roma per incontrare rappresentanti di altre categorie e movimenti regionali, con l’obiettivo di organizzare una nuova ondata di protesta prima che si arrivi alle elezioni politiche nazionali. «Lavoriamo per mettere insieme il mondo del disagio – conclude Ferro – qui c’è un problema politico, perché c’è una carenza democratica a cominciare dal fatto che vogliono imporci di nuovo l’attuale legge elettorale, e un problema tecnico, perché non si sa come rimettere in moto le aziende».

Quello che ormai sembra chiaro è che non rivedremo più i tir accanto ai forconi nelle future proteste di strada. Il nuovo corso del movimento degli agricoltori non convince Richichi. «Da un lato invocano la rivoluzione, dall’altro si dicono soddisfatti da un incontro con il governatore Crocetta. Non capisco qual è il loro obiettivo, così si fa solo confusione», denuncia il leader dell’Aias. «Sappiamo benissimo quello che vogliamo e non risponde certo a un interesse personale – replica Ferro – nelle prossime settimane vedrete».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×