Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aeroporto, Regione e super Camera separati in casa
Musumeci tentenna e Agen attacca: «Se lo compri lui»

Ieri sul tavolo dell'assemblea dei soci della Sac avrebbero dovuto esserci le percentuali che ciascun azionista vuole vendere ai privati. Dall'ente regionale Irsap, però, è arrivata solo una missiva del governatore piena di perplessità

Luisa Santangelo

Guai a dire che nell'aria c'è tensione. Al massimo si può giusto lasciare intendere che il momento è delicato. E che passerà, dormendoci su, aspettando qualche giorno. L'assemblea dei soci della Sac, la società che gestisce l'aeroporto di Catania, somiglia al talamo dei separati in casa. Un formale stare insieme mentre ciascuno va per la sua strada. «Chi vuole vendere vada avanti, chi non vuole si prenda qualche giorno per pensarci», è la sintesi di quanto si è deciso ieri. Nonostante una lettera inviata dal presidente della Regione Nello Musumeci

Nel documento del governatore si citano una serie di obiezioni alla procedura di vendita ai privati così per com'è stata pensata. «Non l'ho neanche fatta allegare a verbale - racconta Pietro Agen, presidente della super Camera di commercio (quella che mette insieme Siracusa, Ragusa e Catania) che detiene il 61,22 per cento delle quote societarie - Ho enorme rispetto per il presidente Musumeci, ma la Regione non è socia della Sac. Se vuole l'aeroporto, se lo compri lui, faccia un'offerta migliore di quelle altre che arriveranno». Il tono è quello tranquillo e pacato di chi è blindato. L'accorpamento delle tre Camere di commercio e la battaglia per la presidenza vinta da Agen, ex presidente di Confcommercio, gli hanno garantito la gestione del pacchetto di maggioranza dello scalo etneo.

E lui la sua posizione di vantaggio vuole farla pesare. Sulla vendita l'assemblea dei soci si era espressa favorevolmente a marzo 2019. Era la fase del «dire», adesso tocca al «fare». Ieri mattina bisognava decidere come continuare con le procedure di gara per la selezione di un advisor, una sorta di intermediario che si occupi di mettere in contatto la domanda con l'offerta. Non una persona, ma plausibilmente una grande realtà: Mediobanca, Unicredit, Crédit agricole, per fare gli esempi che vanno per la maggiore. «Eravamo tutti d'accordo - conferma Agen - Se qualcuno dei soci non sa ancora quanto vendere, entra dopo. Non è che possiamo stare fermi, gare d'appalto di questa portata hanno bisogno di un sacco di lavoro e tempo. Mica è una barzelletta. Quando il commissario dell'Irsap (12,24 per cento di quote Sac, ndr), otto mesi dopo il voto sul piano di vendita, si presenta senza la delega di Musumeci ma con una lettera... - continua - Beh, un pizzico di imbarazzo mi sovviene».

Le polemiche, insomma, sono tante. E dopo la decisione di andare avanti saranno ancora di più. L'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, nei giorni scorsi, aveva invocato chiarezza con una nota stampa. Ieri i consiglieri comunali di Forza Italia a Catania hanno chiesto un consiglio comunale straordinario proprio su questo tema, per comprendere la strada intrapresa dall'amministrazione guidata dal sindaco Salvo Pogliese. Il primo cittadino etneo, al momento, fa asse con Agen, anche se il Comune ha deciso di non vendere le proprie quote e di tenersi il 2 per cento che ha attualmente. 

Ma Pogliese è anche sindaco metropolitano e, in quanto tale, ha deciso la dismissione del 50 per cento della proprietà della Città metropolitana di Catania: un 6,12 per cento (la metà della quota societaria attuale, 12,24 per cento) che, se l'aeroporto venisse venduto effettivamente a un miliardo di euro come Agen prevede, significherebbe decine di milioni di euro nelle casse della ex provincia con i conti in rosso. «Chiuderemo il bilancio della Città metropolitana con 56 milioni di euro di disavanzo - afferma Salvo Pogliese a MeridioNews - L'unica possibilità per dare un po' di ossigeno a tante realtà, come il Teatro Massimo Bellini, è vendere. Tolto il fatto che senza l'intervento dei privati non si potranno realizzare sull'aeroporto gli investimenti di cui ha bisogno per continuare a crescere come già sta facendo. Sarebbe un danno enorme per tutto il sud-est siciliano».

Sembra però che anche sulla legittimazione di Pogliese si sia concentrato Musumeci nella sua missiva. La legge, infatti, prevede che la competenza su questo decisioni così strategiche spetti non al sindaco metropolitano bensì al consiglio. Che però, nel limbo pluriennale delle ex province, è attualmente sostituito dalla commissaria regionale Francesca Paola Gargano. Secondo alcuni, sarebbe lei - con il naturale input della Regione che l'ha nominata - a dovere approvare la vendita. Nel complicato gioco delle percentuali entra, poi, anche il 12,24 per cento di un'altra ex provincia, il Libero consorzio comunale di Siracusa. Ente in dissesto economico finanziario dal 2018 che, per ripianare la sua milionaria mole di debiti, potrebbe dovere vendere tutte le proprie quote anziché solo parte. 

In tutto questo, le questioni economiche non sono finite. Se alla vendita ai privati si andasse solo con le percentuali della super Camera e della ex provincia di Catania, i privati che le acquisterebbero guadagnerebbero già la maggioranza del pacchetto azionario. E questo ridurrebbe il valore delle quote residuali. Per farla semplice: se l'Irsap decidesse di vendere tra qualche anno, quando già almeno il 51 per cento sarebbe stato acquisito da un altro investitore, riceverebbe un'offerta economica più bassa di quella che otterrebbe adesso. Il pacchetto completo, secondo logiche di mercato, conviene. Le logiche della politica sono diverse. E ancora di più lo sono quelle dell'interesse pubblico.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews