Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania diventa una smart city grazie ai 18enni
L'applicazione degli studenti per scoprire la città

I ragazzi dell'istituto Marconi Mangano del capoluogo etneo svilupperanno un'app per individuare i luoghi più interessanti della città dell'elefante. Un progetto sostenuto dal ministero per i Beni culturali che coinvolge circa 60 studenti

Giorgia Lodato

Foto di: Società aeroporto Catania

Foto di: Società aeroporto Catania

Sviluppare un’applicazione per individuare luoghi di interesse all’interno della città di Catania e valorizzarli dal punto di vista culturale e artistico. Centro storico, via Garibaldi, il Fortino, Castello Ursino, ma anche la storia e le attività di artigianato locale che ruotano attorno a questo «labirinto storico» sono al centro dell’app che verrà sviluppata dagli studenti di Informatica dell’istituto Marconi Mangano di Catania all’interno del progetto Smart city.

Sostenuta dal ministero dei Beni culturali, dalla Fondazione Franchi e dall’associazione di Gianfranco, cui spetta il coordinamento tecnico e amministrativo del progetto, l’iniziativa coinvolge circa 60 studenti, tra i 17 e i 18 anni, che lavoreranno affiancati da un team di esperti della società Smartourism. I ragazzi che parteciperanno, tra l’altro, usufruiranno di un corso gratuito di informatica e gestione dati, uno di copy writing in italiano e in inglese, saranno seguiti nella creazione di un curriculum vitae e avranno riconosciute le ore di impegno come alternanza scuola-lavoro.

«Con la nostra esperienza nel settore dell’associazionismo attivo e dell’impegno dei giovani stiamo supportando l’istituto Marconi Mangano attraverso attività di marketing e sensibilizzazione», spiega Andrea Di Giorgio della associazione senza scopo di lucro di Gianfranco, nata nel 2008 dopo la scomparsa del giovane Gianfranco Troina, e che oggi porta avanti diversi progetti tra cui Angeli per un giorno, che consiste nel trascorrere una giornata di divertimento, socialità e spensieratezza insieme ai bambini dei quartieri disagiati, Angeli in carcere, recupero sociale dei minori detenuti nel carcere minorile di Bicocca, e Angeli in corsia, che sostiene i pazienti pediatrici del Policlinico.

«Stiamo coinvolgendo gli artigiani locali e tutti coloro che svolgono attività rilevanti all’interno del territorio per rendere ancora più partecipato questo progetto, che speriamo di rendere attivo entro il 2020». E che avrà delle importanti ricadute sul territorio, visto che verranno messe a disposizione di cittadini e turisti informazioni su luoghi e realtà che solitamente restano nell’ombra.

La connessione con il mondo digitale attraverso l’uso della tecnologia mobile sta diventando indispensabile nella vita di tutti i giorni e l’app non solo consentirà agli utenti di accedere, in ogni momento, ai contenuti sulla città e gli itinerari proposti, ma permetterà anche di creare collegamenti sinergici con il sistema produttivo, cercando di favorire l’accorciamento della filiera di distribuzione dei beni presenti. Lo sviluppo dell’itinerario consentirà inoltre alle aziende del territorio di interfacciarsi direttamente con gli utenti georeferenziati in visita sui percorsi, permettendo di inviare in tempo reale messaggi e promozioni.

«Il progetto avrà due tipi di ripercussioni – chiarisce il preside dell’Istituto Egidio Pagano, che ha seguito in prima persona il progetto affiancato dalla vicepreside Rossella Forbice - una sul territorio, perché vengono coinvolti diversi soggetti che operano al suo interno come studenti, genitori, associazioni e commercianti, e una dal punto di vista della collaborazione con il mondo del lavoro e con le aziende. Tutto ciò si sposa con la filosofia della nostra scuola, che da una parte punta a far conoscere il territorio prima di tutto ai ragazzi, ma anche agli adulti, perché ciò che si conosce si apprezza di più, e dall’altra incrementa il contatto con il mondo dell’imprenditoria, che può offrire degli sbocchi e delle opportunità ai nostri studenti, evitando di farci perdere ancora risorse preziose». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews