Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Un contributo per la scuola pubblica»
Studenti-mendicanti a terra contro i tagli

Tornano in piazza contro il governo, ma stavolta lo fanno in maniera diversa. Sedendosi a terra con dei cartelli di cartone. Sono gli studenti catanesi che hanno scelto piazza Verga per inscenare la loro protesta organizzata perché «la scuola pubblica si è ridotta sul lastrico e deve chiedere l'elemosina»

Desirée Miranda

Di nuovo in piazza gli studenti catanesi per manifestare il loro dissenso contro le politiche del governo in merito alla scuola pubblica. Questa volta lo fanno di domenica in piazza Verga, tra gli stand del mercato biologico che organizzano in loco. Non sono in diecimila come al corteo che sabato ha sfilato per le strade della città, ma Irene, Ada, Diego, Francesco, Simone, Giorgia, Claudio e molti altri si sono comunque fatti notare.

Hanno scelto di sedersi a terra, pacificamente, con dei cartelli di cartone, a mò di mendicanti per chiedere un contributo ai passanti. «Non vogliamo davvero dei soldi, il nostro è un gesto simbolico. Vogliamo piuttosto sensibilizzare la gente», spiega Diego Micari, studente del liceo scientifico Boggio Lera. «La scuola pubblica si è ridotta al lastrico e deve chiedere l'elemosina», dice Irene Rizzo studentessa del liceo scientifico Galileo Galilei.

http://www.flickr.com//photos/ctzen_catania/sets/72157632093258919/show/

«Quello di oggi è uno dei modi di manifestare la nostra contrarietà all’abbattimento della scuola pubblica e lo facciamo di domenica perché non ci vengano a dire che è solo un modo per perdere ore di lezione», dice Simone Di Stefano, anche lui studente al Boggio Lera.

Protestano contro una scuola che non li prepara al futuro, contro una scuola che ha sempre meno risorse e che non riesce a far fronte neanche alle spese correnti per cui è comune la prassi di chiedere agli studenti un «contributo volontario». Non c’è scuola pubblica, di qualsiasi grado, che non lo faccia. «Paghiamo circa 90 euro annui, ma nessuno dice che è volontario, lo spacciano per tassa scolastica e spingono anche molto per ricevere questi soldi, altrimenti non saprebbero come fare», afferma Francesco Maccarrone studente del liceo Cutelli.

Diversi i passanti che si fermano incuriositi. Molti solidarizzano con i giovani accovacciati a terra, c'è chi lascia caramelle e chi vuole davvero dare il proprio contributo economico. Ma se qualcuno li incita a continuare perché «meno male che ci siete voi», come dice un’anziana signora, altri, seppur condividono le ragioni della protesta, sono un po’ scettici.

«Mi ricordate quando ho fatto il sessantotto, purtroppo però allora come ora niente cambia, mi spiace», dice una donna fermandosi giusto il tempo di dire queste parole. Anche un anziano signore ottantaduenne non ha uno spirito positivo. «Passa il tempo, ma nulla cambia e chi ci va di mezzo siamo sempre noi», dice. Si ferma a parlare qualche minuto con loro e prima di andare via con le sue buste della spesa dà un consiglio ai ragazzi: «Protestare è buono, ma dovete andare direttamente dal ministro Profumo e dargli un bel calcio nel sedere, che così se ne va a casa». Loro ci ridono su.

 

 

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×