Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Accusato di uxoricidio, 76enne in carcere
L'uomo avrebbe occultato il cadavere

Salvatore Di Grazia, 76 anni, è stato arrestato ieri mattina dai Carabinieri di Gravina di Catania. E' accusato di avere ucciso la moglie, Maria Francesca Cimò, nell'agosto 2011 e di averne occultato il cadere. Dopo la giornata contro la violenza sulle donne di domenica, un altro uomo è accusato di uxoricidio. Ha reso dichiarazioni contrastanti, oltre ad avere aspettato una decina di giorni prima di denunciare la scomparsa della compagna. Contro di lui anche filmati, tabulati telefonici, registrazioni

Desirée Miranda

Avrebbe ucciso la moglie e poi nascosto il suo cadavere. È questa l’accusa per Salvatore Di Grazia che ieri mattina è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania per inquinamento delle prove. Elementi indiziari fanno intendere che possa essere stato lui l’assassino della moglie Maria Francesca Cimò.

All'indomani della giornata contro la violenza sulle donne, un altro uomo viene indicato come colpevole tra le cerchie affettive delle donne ammazzate in Italia. Una vittima ogni due giorni quest’anno, secondo i dati forniti dall’Istat e dal Telefono rosa, una statistica ancora più drammatica di quella dell’anno scorso quando a morire era una donna ogni tre giorni.

Le indagini contro Salvatore Di Grazia sono partite dopo la denuncia di allontanamento volontario che lo stesso ha fatto il 5 settembre 2011. La moglie era scomparsa, secondo l’indagato, dopo una lite il 25 agosto. Alla base dei contrasti le divergenze sulla possibilità di vendere un’aerea di lavaggio self–service di proprietà di Maria Francesca Cimò. Lei avrebbe voluto cederla, lui no «anche a causa delle relazioni extraconiugali che egli intratteneva proprio utilizzando gli uffici dell’esercizio commerciale», si legge nel comunicato diramato dalla Procura della Repubblica.

Nonostante il grande ritardo nella presentazione della denuncia, cosa che ha posto subito il seme del sospetto nei confronti dell’uomo, le ricerche della donna sono state effettuate. Nullo l’esito, ma le perplessità nei confronti del marito sono aumentate. Contrastanti le testimonianze rese, ma a suo carico anche filmati, accertamenti sui tabulati telefonici, gli acquisti effettuati e infine la disponibilità di denaro dell’indagato. Troppa in considerazione delle dichiarazioni secondo cui la donna scomparsa aveva portato con sé tutti i risparmi custoditi in cassaforte.

Non solo di indizi di colpevolezza si tratta. L’uomo avrebbe anche cercato di sviare le indagini sin da subito con «acquisizione di schede telefoniche anche a mezzo di intermediari inconsapevoli e cautele contro intercettazioni ambientali e suggerimento di risposte a possibili testimoni», e proprio per questo è in carcere.

Nessuna prova schiacciante comunque nei confronti di Di Grazie. Le indagini continuano, anche perché il corpo della donna settantaduenne non è mai stato trovato.

 

[Foto di Keith Allison]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×