Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Distrutta dalle fiamme la sede scout Catania 5
«Mai avuti segnali che potessimo dare fastidio»

«Il cilindretto della serratura è stato rotto», dice a MeridioNews il caposcout Nino Tringale. Sull'origine dolosa dell'incendio ci sono pochi dubbi. «Non riesco a immaginare chi possa essere stato e perché». L'inaugurazione era già stata fissata per il 15 dicembre. Guarda le foto

Marta Silvestre

«Non abbiamo mai avuto sentori o segnali che a qualcuno potesse dare fastidio quello che stavamo facendo». C'è sconcerto nelle parole e nel tono di voce di Nino Tringale, il capogruppo degli scout Agesci Catania 5, dopo l'incendio di ieri che ha distrutto la casa cantoniera in contrada Rocchicella nel territorio di Mineo che sarebbe diventata a breve una loro sede. Sull'origine dolosa delle fiamme ci sono pochi dubbi anche perché «il cilindretto della serratura è stato trovato rotto». 

L'immobile di due piani composto da quattro stanze era stato ricevuto dal gruppo scout in comodato d'uso gratuito dalla ex provincia di Catania con un contratto siglato il 18 maggio del 2018. «Dopo un anno e mezzo di lavori di ristrutturazione, finalmente mancava soltanto la voltura del contratto dell'Enel», spiega Tringale a MeridioNews. L'inaugurazione era già stata programmata per il 15 dicembre. «Adesso, invece, ci tocca ricominciare tutto da capo». 

I danni alla struttura sono notevoli. Le fiamme hanno compromesso parte del tetto, pilastri e muri e a terra è rimasto un cumulo di macerie annerite. «In questi mesi di lavori, ci siamo sbracciati in prima persona finché è stato possibile per sistemare il locale - racconta il capogruppo - Poi ci siamo affidati a dei professionisti che abbiamo pagato con il ricavato delle attività di autofinanziamento. Abbiamo speso tutte le nostre risorse e, per ricominciare, sarà necessario un forte sostegno». 

Qualche panino mangiato mentre sistemavano la struttura sono state le uniche attività svolte finora in contrada Rocchicella dal gruppo. «La casa cantoniera - spiega ancora Tringale - sarebbe diventata una base scout, un punto di appoggio per le attività in natura dei più giovani o un luogo in cui i gruppi di preghiera avrebbero potuto pernottare godendo anche della tranquillità del posto». 

Tringale, che è anche rappresentante legale del gruppo scout, ha sporto denuncia ai carabinieri. «Non riesco a immaginare chi possa avere compiuto un gesto simile e nemmeno il motivo. I rapporti di vicinato - aggiunge - sono stati sempre ottimi e i contadini dei terreni accanto, qualche volta, si sono anche messi a disposizione per aiutarci». 

L'episodio di Mineo arriva alcune settimane dopo l'incendio alla sede del gruppo Marsala 2, in provincia di Trapani. «Ci deve fare riflettere - dicono i responsabili regionali dell’Agesci Giulio Campo e Marilena Galletta - ma non può in alcun modo intimorirci o, peggio ancora, farci indietreggiare nella nostra azione educativa, certi che la testimonianza e l’impegno a lasciare il mondo migliore di come lo si è trovato aiuterà anche coloro che seminano paura a correggersi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews