Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Unict, linee guida comportamentali sospese
Dietrofront del Cda, vittoria della Cgil

Dopo l'appello della Cgil, il Consiglio d'amministrazione dell'Ateneo di Catania ha ritirato all'unanimità le contestatissime linee guida comportamentali in caso di apertura di procedimenti disciplinari. Fin dalla sua approvazione (il 28 settembre) il provvedimento ha ricevuto critiche da tutto il Paese. Sul tema si sono espressi - con più o meno decisione - anche tre dei candidati alla carica di rettore, Iachello, Pignataro e Vecchio

Carmen Valisano

Il Consiglio d'amministrazione dell'Università di Catania alla fine ha dovuto cedere. Le tanto contestate linee guida comportamentali in caso di apertura di procedimenti disciplinari (approvate il 28 settembre) sono state sospese con un voto all'unanimità durante la seduta del 30 novembre. Il provvedimento era stato disegnato per evitare «interferenze esterne» nel corso dei procedimenti disciplinari regolati ai sensi della legge 240/2010 (la cosiddetta legge Gelmini). No a pubblici dibattiti, assemblee di docenti e relazioni con i mezzi di informazione per i docenti sottoposti a procedimento. Per i trasgressori la pena prevista era di sei mesi di sospensione dello stipendio e tutti gli effetti di legge conseguenti.

Fin dalla sua approvazione erano stati numerosi gli appelli e le critiche al provvedimento, a cominciare da quelle provenienti dal Coordinamento unico d'Ateneo. «Una pura e semplice vergogna per qualsiasi istituzione di un paese che voglia dirsi civile», l'avevano definito. In breve tempo, le contestazioni hanno varcato i confini etnei con tanto di petizioni online e articoli e prese di posizioni ufficiali. Anche i sindacati hanno ben presto preso posizione contro il provvedimento difeso, in primis, dal rettore Antonino Recca. Durante un incontro ufficiale il Magnifico aveva promesso che avrebbe valutato l'ipotesi del ritiro delle linee guida. Ma qualche giorno dopo era arrivata la mozione del Senato accademico che limita i poteri del prof. Recca ormai in scadenza di mandato. Una decisione che ha provocato nuove tensioni con i rappresentanti sindacali.

Decisivo per la decisione del Consiglio è stato l'invito della Cgil al ritiro della delibera. «Il Consiglio di amministrazione dell’Università di Catania - si legge nella nota diffusa da palazzo Centrale - ha risposto positivamente, all'unanimità, all'appello della Cgil di sospensione delle linee guida comportamentali nel corso di procedimenti disciplinari a carico di docenti». Marcia indietro, quindi, con un appello indirizzato «al presidente Monti e al ministro Profumo, al fine di sollecitare il Governo nazionale circa l’urgenza di un provvedimento normativo che riporti in capo al Consiglio universitario nazionale (Cun), organo di rappresentanza nazionale dell’intera docenza universitaria, le competenze disciplinari che la riforma Gelmini ha rimesso ai singoli atenei».

Sul tema, nei giorni scorsi, si sono espressi anche i candidati alle elezioni per la poltrona di rettore che si terranno il prossimo febbraio. Per Enrico Iachello «tali linee guida non rappresentano l’intenzione dell’ateneo di schierarsi contro la libertà di espressione, ma soltanto un invito a lasciare operare in serenità i colleghi a cui è stato democraticamente affidato l’ingrato compito di sedere nel collegio disciplinare». Un'interpretazione che sostiene l'autonomia di chi si trova costretto a decidere della sorte dei colleghi, dunque, evitando interferenze esterne. «Non ho alcuna difficoltà oggi a valutarne la sospensione», con l'auspicio - promosso anche dal Cda del quale il docente fa parte - che le competenze disciplinari ritornino al Cun.

Anche Giuseppe Vecchio ha proposto una sospensione, una «sorta di semestre bianco» almeno nella fase più intensa della campagna elettorale. Sul provvedimento, «ritengo che molti degli aspetti affermati nella stessa delibera appartengono al quadro generale dei principi che reggono e garantiscono qualunque procedimento "giustiziale" e che, pertanto, sarebbe stato inutile ribadirli se non in presenza di qualche forzatura "mediatica" avvenuta nei mesi scorsi da parte di qualche collega».

Più netta la posizione di Giacomo Pignataro: «La delibera sulle linee guida comportamentali è un provvedimento sbagliato - ha affermato - in quanto lesivo di diritti e libertà personali. Per tale ragione, che sopravanza, quindi, la mera opportunità di contribuire ad un sereno confronto elettorale, non posso che essere d’accordo con la richiesta di sospensione di quel provvedimento, ribadendo la necessità della sua successiva e definitiva revoca».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×