Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Paternò traballa maggioranza in Consiglio comunale
Seduta fiume e bocciature. Oggi tocca alle strisce blu

Tra i punti controversi la convenzione per il servizio idrico e quella per la rateizzazione dei tributi per il rilascio dei permessi a costruire. Il tutto a poche ore dal secondo tempo in cui l'assise civica discuterà dell'esternalizzazione per gli stalli a pagamento

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Seduta consiliare fiume quella andata in scena ieri a palazzo Alessi. Quasi sette ore con fischio finale alle 3.30 di mattina per sancire l'agonia della maggioranza consiliare all'interno del Comune di Paternò. Sono stati 32 i  punti iscritti all'ordine del giorno dal presidente del Consiglio comunale Filippo Sambataro. Tuttavia l’assise ne ha trattati sostanzialmente due punti con una certa rilevanza. In entrambi i casi il verdetto finale è stata una bocciatura, con un fronte trasversale che ha visto compatta l’opposizione e alcuni pezzi della maggioranza.

Sono stati 14 i voti contrari che hanno portato a respingere sia la convenzione con l’Ama, la partecipata del Comune che gestisce il servizio idrico integrato in città, che il regolamento per la rateizzazione del pagamento del tributo legato al rilascio del permesso a costruire. Quattro i consiglieri comunali: Barbara Conigliello, Roberto Faranda, Turi Malerba, e Ionella Rapisarda hanno espresso il loro voto contrario per i due atti. Voti, quest'ultimi, che si sono sommati a quelli dei colleghi dell’opposizione. 

Fra gli scanni della maggioranza assenti i consiglieri Alfredo Sciacca e Agata Marzola: quest’ultima presidente della commissione Bilancio al centro della diatriba degli ultimi giorni sull'aumento del monte ore ai lavoratori part-time del Comune. Il gruppo consiliare di Diventerà Bellissima ha presentato sette dei dieci emendamenti alla convenzione per l’espletamento in proprio del servizio idrico che, tradotto in soldoni, avrebbe dovuto definire contrattualmente i rapporti tra il Comune e l’Ama. 

Per il consigliere di Diventerà Bellissima Giuseppe Lo Presti si tratta di un «contratto insoddisfacente e generico che avrebbe esposto l’ente a controversie». Per quanto riguarda l’altro punto bocciato, il regolamento per il pagamento del contributo per il rilascio del permesso a costruire, avrebbe presentato dei profili non in linea con gli aggiornamenti legislativi col testo unico delle società partecipate del 2016. Due vicende, a prima vista, squisitamente tecniche, finite, invece, per rappresentare un caso politico che adesso il sindaco Nino Naso, di ritorno dall'assemblea dei sindaci di Arezzo dovrà affrontare necessariamente. 

L’assise civica tornerà a riunirsi stasera alle 20 e sarà chiamata ad esprimersi su 22 debiti fuori bilancio pari a circa 300mila euro; la stragrande maggioranza dei casi si tratta di sentenze derivanti da azioni giudiziarie intraprese dai cittadini contro il cattivo stato delle strade cittadine, dove pedoni o automobilisti avrebbero subito danni personali o a cose. Si tratta di cause intentate già dal 2012; inoltre il Consiglio comunale sarà chiamato ad esprimersi sull'affidamento esterno dei servizi di controllo delle strisce blu.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews