Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Inchiesta Corner Bet, chi è Giordano Maccarrone
Le giovanili al Catania e la lunga esperienza in C

Il giocatore catanese Giordano Maccarrone, classe 1990, è da oggi agli arresti domiciliari con l'accusa di frode in competizioni sportive. Nel corso della sua carriera, decollata tra le file dei rossazzurri, il difensore ha vestito anche la maglia del Messina

Giorgio Tosto

Il nome dell'operazione orchestrata dalla polizia postale è emblematica. Si chiama infatti Corner bet l'inchiesta partita dalla denuncia del titolare di un'agenzia di scommesse di Catania, in seguito alla sparizione di migliaia di euro da alcuni suoi conti di gioco online. Da lì l'indagine è risalita fino ad Andrea Leanza, Rosario Cavallaro e Giordano Maccarrone: le tre presone che, attraverso piattaforme di gioco estere, cercavano di trarre vantaggio dall'alterazione dell'esito di alcune partite. Per cercare di essere il più sotto traccia possibile, il trio si concentrava sulle puntate riguardanti il numero dei calci d'angolo o, ancora, sulla possibile espulsione di un calciatore durante il match.

Vero e proprio braccio operativo di questa organizzazione era ovviamente Maccarrone, all'epoca dei fatti difensore centrale del Bisceglie in Lega Pro. Non è un caso che le tre gare poste sotto la lente d'ingrandimento siano quelle tra i pugliesi da una parte e Rende, Trapani e Sicula Leonzio dall'altra. Quella di Maccarrone è una carriera iniziata tra grandi promesse: aitante difensore centrale (alto 195 centimetri) nato a Catania il 9 aprile del 1990, l'atleta ha infatti mosso i primi passi nel calcio che conta con la maglia del Catania. Nella stagione 2009-2010, in particolare, il giocatore ha fatto parte della squadra Primavera allenata da Salvatore Amura, giunta quarta nel Girone C (alle spalle di Roma, Palermo e Lazio): la corsa dei rossazzurri, in quel caso, si è fermata agli ottavi di finale per opera del Milan

Giordano Maccarone faceva parte di una rosa in cui spiccava la presenza del centrocampista Fabio Sciacca (poi aggregato alla prima squadra), dell'attaccante Francesco Nicastro (adesso in forza al Catanzaro) e, soprattutto, di Alfredo Donnarumma, lo scorso anno capocannoniere in B con il Brescia e già autore di quattro reti in Serie A nella stagione in corso. Maccarrone è rimasto di proprietà del Catania per altre quattro stagioni, passando però da un prestito all'altro: Milazzo, Gubbio e Bellaria, fino al trasferimento al Parma nell'estate del 2015. Non arriverà mai a giocare con la casacca dei gialloblu emiliani, dato che la società prima lo dirotta a Savona, per poi cederlo all'Aquila due anni dopo. La stagione 2016-2017 vede il ritorno del difensore in Sicilia: con la maglia del Messina, in C, Maccarrone gioca 29 gare, segnando una rete. 

Diventato ormai un giocatore d'esperienza in Serie C, le due successive avventure vedono l'atleta giocare prima con la maglia della Virtus Francavilla, poi con quella del Bisceglie. Con i nerazzurro-stellati l'esperienza dura soltanto una stagione: durante l'estate del 2018, infatti, giunge il trasferimento nell'ambizioso Foggia, squadra che attualmente occupa il secondo posto nel Girone H di Serie D, a un solo punto dalla capolista Bitonto. Si arriva, quindi, alla notizia di stamane: l'implicazione del giocatore nell'inchiesta riguardante le scommesse truccate su calci d'angolo e punizioni. Un triste epilogo per una carriera che, a questo punto, rischia di essere stroncata in maniera definitiva. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews