Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

No Muos, manifestazioni a Palermo e Catania
I comitati: «La Regione agisca in autotutela»

Proseguono le proteste dei vari comitati No Muos in tutta la Sicilia. A Palermo il presidio locale ha chiesto al neo-assessore all'Ambiente Mariella Lo Bello di fermare i lavori, mentre a Catania sono stati distribuiti volantini e materiale informativo. A Niscemi continua il presidio dei cittadini per bloccare la gru che servirà a completare il sistema radio statunitense. Ma il governatore Rosario Crocetta frena, sostenendo che è impossibile togliere adesso le autorizzazioni

Carmen Valisano

Due presidi in contemporanea, a Catania e a Palermo, per informare sui rischi del Muos e per chiedere alla Regione la revoca dei permessi che autorizzano l'installazione del grande sistema statunitense a Niscemi. Stamattina, proprio mentre veniva lanciato un nuovo (falso) allarme sulla partenza di una gru diretta verso il paese in provincia di Caltanissetta, si è insediato il governo regionale presieduto da Rosario Crocetta. «Ho avuto modo di parlare con il neo-assessore al Territorio e ambiente, Mariella Lo Bello - spiega Nadia Furnari del comitato palermitano - abbiamo spiegato che la Regione può agire in autotutela in attesa delle verifiche».

http://www.flickr.com//photos/ctzen_catania/sets/72157632178219478/show/

Fermare i lavori in attesa di capire i reali rischi sulla salute dell'impianto, questa è la priorità dei No Muos. Un'ipotesi esclusa dal governatore Crocetta che - a margine di un incontro a Vittoria (in provincia di Ragusa) - ha spiegato come sia impossibile fermare l'installazione che ha già avuto il via libera dal precedente governo di Raffale Lombardo. Inoltre sarebbe competenza dell'Assessore - insediatasi proprio stamattina - procedere alla revoca. Tuttavia, l'ex sindaco di Gela ha anticipato di voler affidare all'Istituto superiore di Sanità uno studio, non specificando però se verrà effetturato prima dell'installazione del Muos o adesso, considerando il potenziale inquinamento delle antenne già installate all'interno della base.

A Catania, davanti alla sede etnea della Regione, i manifestanti hanno distribuito volantini e invitato a firmare la petizione contro l'impianto. Volantinaggio effettuato anche tra i sindaci della provincia catanese riuniti per un incontro in prefettura contro i tagli ai fondi degli enti locali. «Hanno prorogato fino a febbraio 2013 i notam riguardanti i droni», afferma Alfonso Di Stefano riferendosi alle comunicazioni emesse dalle autorità aeronautiche per avvisare i piloti civili delle attività svolte dai veivoli senza piloti. L'allerta, oltre agli aerei diretti a Fontanarossa e quindi influenzabili dalle attività della base militare di Sigonella, è stata estesa anche all'aeroporto di Trapani Birgi. E i problemi al traffico civile potrebbero provenire dallo stesso Muos: «La densità di potenza è senz’altro in grado di provocare gravi interferenze nella strumentazione di bordo di un aeromobile che dovesse essere investito accidentalmente dal fascio, con conseguenti malfunzionamenti e rischi di incidente», hanno spiegato i docenti Massimo Coraddu e Massimo Zucchetti.

Per chiedere «la smilitarizzazione della Sicilia» la cittadina nissena sarà protagonista sabato 8 dicembre di una manifestazione regionale. A Niscemi prosegue il presidio davanti la base militare, con i cittadini pronti a bloccare la grande gru che dovrebbe partire da Sigonella o da Belpasso (sede della Comina srl, la ditta proprietaria del mezzo), mentre le sentinelle sparse per tutta la provincia monitorano i movimenti dei mezzi pesanti.

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×