Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, Pietro Lo Monaco aggredito sul traghetto
Esposto in procura. Squadra giocherà a Potenza

L'episodio è avvenuto stamane durante il viaggio che portava i rossazzurri in trasferta. Un gruppo di persone ha fronteggiato il dirigente etneo, assalendolo fisicamente. «Alla violenza è necessario reagire con lo sport», fa sapere la società tramite una nota ufficiale

Giorgio Tosto

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Calcio e violenza, purtroppo, continuano a mischiarsi ancora. L'amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco, al seguito della squadra che oggi affronterà a Potenza la gara valida per gli ottavi di finale della Coppa Italia di Serie C, è stato infatti aggredito nella mattinata di oggi. L'episodio è avvenuto a bordo del traghetto che percorre la tratta Messina-Villa San Giovanni. 

Secondo le prime ricostruzioni il dirigente etneo, dimissionario dal ruolo di direttore generale dopo la conferenza stampa di ieri, avrebbe subito nella colluttazione la rottura degli occhiali e la perdita di sangue dal naso. Il Catania ha emesso, dopo qualche minuto, un comunicato che ufficializza la decisione da parte della società di via Magenta di rinunciare alla trasferta di oggi nel capoluogo lucano.

«La vile e vergognosa aggressione subita oggi dall'amministratore delegato Pietro Lo Monaco da parte di ultras catanesi - afferma la nota del club rossazzurro - a bordo della nave traghetto durante il viaggio per raggiungere Potenza, già prevedibile alla luce dello striscione intimidatorio esposto in città e di quanto denunciato dal nostro amministratore delegato in occasione della conferenza stampa tenuta ieri, ci obbliga a fermarci. Conseguentemente, la squadra rientra a Catania». A questa presa di posizione è seguito un secondo comunicato ufficiale per annunciare il dietro front. Il Catania giocherà regolarmente perché «alla violenza è necessario reagire coraggiosamente con lo sport. Al contempo si annuncia che nelle prossime ore sarà presentato un esposto alla procura di Catania sui numerosi fatti d'odio e scellerata istigazione alla violenza registrati in questi mesi».

Quella tra Lo Monaco e gli ultras del Catania è una storia fatta di botta e risposta a mezzo stampa che, purtroppo, trova oggi un epilogo inatteso e increscioso. Proprio nell'incontro di ieri con i giornalisti, il Direttore aveva ribadito come i tifosi organizzati delle curve non volessero il bene della squadra: «Sono diventati protagonisti grazie al Catania, facendo atti fuori dalla norma. Dovrebbero spiegare come mai vengono al campo solo per gridare Speziale libero, costringendoci a pagare multe di 3-4 mila euro a partita per 19 partite. Questo è amore?» In attesa di ulteriori informazioni sullo stato di salute di Pietro Lo Monaco, resta anche da comprendere cosa deciderà la Lega Pro in merito alla gara di questo pomeriggio. C'è il rischio di una sconfitta a tavolino. 

«Un atto inqualificabile e inaccettabile che condanniamo fermamente. Mi auguro che le autorità competenti individuino i colpevoli e vengano adottati provvedimenti esemplari per un episodio di violenza che non ha alcuna giustificazione. A Pietro Lo Monaco e alla società del Calcio Catania rivolgiamo la nostra solidarietà». Così in una nota il sindaco di Catania Salvo Pogliese.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews