Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, sequestro all'acese Salvatore Di Mauro
Nel negozio di mobili i summit del clan Laudani

La Dia ha chiesto e ottenuto una misura preventiva nei confronti di Salvatore Orazio Di Mauro. L'uomo, conosciuto anche come Turi u biondu, è cugino acquisito del pentito Giuseppe Laudani ed è stato condannato nei processi Vicerè e Security

Simone Olivelli

Quando gli uomini della Dia, due giorni fa, si sono presentati nel punto espositivo di Arredamenti Di Mauro, in via delle Terme, ad Acireale, parte del personale si trovava fuori per consegnare e montare mobili. Una visita che ha destato agitazione, ma che non può definirsi propriamente a sorpresa. La possibilità, infatti, che dalla Direzione investigativa antimafia proponesse il sequestro dei beni a Orazio Salvatore Di Mauro era nell'aria da tempo.

L'uomo, 53 anni, è stato condannato per associazione mafiosa a 12 anni e mezzo nel processo Vicerè. Di Mauro fu arrestato, a febbraio 2012, nella maxi-operazione contro il clan Laudani. L'inchiesta decapitò il gruppo criminale attivo soprattutto nell'Acese. A parlare di Di Mauro, conosciuto negli ambienti criminale come Turi u biondu, è stato il pentito Giuseppe Laudani, nipote del patriarca Sebastiano Laudani. Di Mauro, che è sposato con Giovanna Scuderi, anche lei nipote del capo storico dei Mussi 'i ficurinia, è cugino acquisito del collaboratore di giustizia.

Laudani ai magistrati ha indicato il negozio di Di Mauro come punto di incontro per gli uomini del clan, nel periodo in cui il punto vendita era nella frazione di Aci Platani. «Molti avvenimenti, molti incontri, molte cose che succedevano nel periodo che io ero ad Acireale succedevano tutti là da mio cugino Salvatore - si legge nei verbali -. Era lui molto spesso che mi fissava appuntamenti o incontri e via dicendo, ci incontravamo sempre là in questo deposito che era un posto tranquillo, perché aveva due entrate da due strade diverse, perciò era facile sia entrare che uscire». Secondo i magistrati, la parentele acquisita avrebbe consentito a Di Mauro di non essere subordinato ai referenti locali del gruppo acese dei Laudani. Il 53enne, per il clan, si sarebbe occupato anche di estorsioni e usura.

I guai giudiziari di Di Mauro, che fino al 2016 era incensurato, non si fermano qui. L'uomo, infatti, l'anno dopo è stato coinvolto anche nell'inchiesta Security sugli interessi dei Laudani a infiltrarsi nella gestione della sicurezza e della logistica nella grande distribuzione, compresi alcuni punti vendita di Lidl (rimasta estranea all'inchiesta). Per questi fatti, Di Mauro è stato condannato, a novembre dell'anno scorso, a una pena di otto anni e mezzo nel processo che si è svolto al tribunale di Milano, ma è a giudizio anche nel filone catanese. L'imprenditore acese fu arrestato dopo essere atterrato all'aeroporto Fontanarossa di Catania. Secondo gli inquirenti, Di Mauro si era recato a Milano per ricucire i rapporti con i siciliani vicini al clan.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews