Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Animali costretti a vivere tra rifiuti e carcasse
Undici gli indagati per maltrattamenti e truffa

Cani, cavalli, cardellini, tartarughe e anche un mini pony. I controlli della polizia hanno riguardato la zona dell'Oasi del Simeto. Sono state sequestrate anche diverse attrezzature per la cattura di animali di specie protetta. Guarda le foto

Redazione

Oltre 40 cani, cinque cavalli, 13 cardellini, un mini pony e diverse tartarughe maltrattati o tenuti in mezzo ai rifiuti o alle carcasse di altri animali morti. È quanto è emerso, nei giorni scorsi, da alcuni controlli effettuati dalla polizia nell'area dell'Oasi del Simeto. Undici persone sono indagate in stato di libertà. Gli animali sequestrati sono stati rimessi in libertà o inseriti nel proprio habitat naturale

Durante i controlli, sono state sequestrate anche attrezzature per la cattura di animali di specie protetta, come 30 gabbiette per la detenzione illegale di cardellini. In un villaggio turistico/stabilimento balneare della zona il guardiano, insieme alla moglie, deteneva una cucciolata di cani. Senza cure e senza assistenza, gli animali sarebbero stati maltrattati al punto uno è morto. La carcassa è stata lasciata dentro la stessa area di un metro quadrato in cui venivano tenuti gli altri cuccioli. I coniugi sono stati indagati in stato di libertà per maltrattamento di animali e i cani sono stati sequestrati. 

In un altro terreno, i poliziotti hanno trovato diversi cani e un cavallo malnutrito detenuti in un'area che è stata sequestrata per gestione illegale di rifiuti speciali. Lo stesso trattamento sarebbe stato riservato da un soggetto pluripregiudicato a un mini pony che veniva utilizzato come gioco per il figlio minore. All'interno di una casa poi sono stati trovati 13 cardellini rinchiusi in piccolissime gabbie e due tartarughe appartenenti a specie protetta. Molti degli animali controllati, oltre vivere tra i rifiuti, erano costretti a nutrirsi di cibo scaduto e a bere acqua putrida. Per le stalle e i maneggi abusivi nei quali i cavalli venivano malgovernati, sono state elevate delle sanzioni di circa 40mila euro.

I responsabili di maltrattamento animali, nella maggior parte dei casi, sono stati indagati anche per reati in materia di ambiente, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e deterioramento e distruzione di habitat naturale. Per garantire il benessere degli animali, è stato richiesto il supporto dei veterinari dell'Asp e della vigilanza riserve naturali.

I controlli hanno anche riguardato la pesca di frodo e diversi soggetti sono stati indagati. È il caso di un cittadino cinese dedito a pescare granchi nella foce del fiume Simeto con articolate attrezzature (nasse e simili) che sono state sequestrate. Sempre all'interno della riserva naturale, sono stati sequestrati dei natanti in vetroresina con attrezzatura da pesca (400 metri di rete, diversi ingegni per raccogliere telline, canne da pesca) utilizzati da taluni pescatori per la pesca professionale. Alcuni di questi, come è stato accertato, fanno i guardiano e in più percepiscono sussidi statali grazie alla falsa dichiarazione di disoccupazione. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews