Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Due tifosi del Bari rapinati usando un coltello
Arrestati Nicolosi e Pedalino, ultras della Sud

Altri due esponenti del tifo organizzato del Catania sono accusati di aver strappato le sciarpe a due sostenitore del Bari giunti in Sicilia per una trasferta. Il 32enne è il leader del gruppo organizzato Falange d'assalto

Redazione

Ai domiciliari da ieri Orazio Nicolosi e Salvatore Pedalino. Si tratta dei due ultras del Catania che avrebbero rapinato due tifosi pugliesi, un padre e un figlio, in occasione della partita Catania-Bari dello scorso 27 ottobre. Nicolosi, 32 anni, leader del gruppo organizzato Falange d'assalto della Curva sud dello stadio Massimino, e Pedalino, 33 anni, avrebbero affiancato in scooter i due malcapitati e, minacciandoli con un coltello, si sarebbero fatti consegnare le sciarpe del Bari. «Un atto che nel mondo delle tifoserie ha una simbologia molto chiara», hanno detto gli uomini della questura di Catania.

La notizia è stata infatti resa nota nel corso della conferenza stampa dedicata all'arresto di Saro Piacenti, il capo ultras accusato di aver schiaffeggiato il dirigente rossazzurro Pietro Lo Monaco. «Ti devo ammazzare, ti devo ammazzare», avrebbero urlato i due all'indirizzo dei baresi rapinati vicino lo stadio Massimino di Catania, nonostante Pedalino e Nicolosi fossero sottoposti a Daspo. Ad individuarli le indagini della Digos.

Orazio Nicolosi era stato più volte sottoposto a Daspo anche in relazione a fatti commessi in altre province durante le trasferte del Catania. Da ultimo si segnala il lancio di materiale pericoloso, il 27 agosto 2016, in occasione dell’agguato perpetrato in danno del pullman dei tifosi della Juve Stabia all'altezza della rotatoria di San Nullo. Salvatore Pedalino è destinatario di un Daspo di cinque anni essendosi reso responsabile, a febbraio 2016, di lancio di materiale pericoloso durante la partita Catania-Lecce.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews