Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Blitz Assalto, inflitti oltre cento anni di carcere
Condannato anche l'ex pentito Mimmo Assinnata

Otto persone sono state condannate dal giudice per l'udienza preliminare Stefano Montoneri, nell'udienza di questa mattina a Bicocca. Tra queste c'è anche il figlio di Turi Assinnata e nipote di Mimmo, capi indiscussi del clan

Salvatore Caruso

Oltre cento anni di carcere per otto persone ritenute vicine al clan Assinnata. È questo il primo esito dell'operazione Assalto, eseguita dai carabinieri della compagnia di Paternò alla fine di agosto 2018. La sentenza è stata pronunciata nella tarda mattinata di oggi dal giudice per l'udienza preliminare Stefano Montoneri. A rappresentare la pubblica accusa Andrea Bonomo. Tra i condannati c'è l’ex pentito Mimmo Assinnata junior, figlio di Turi e nipote di Mimmo, capi indiscussi dell’omonimo clan operante nel territorio paternese federati alla famiglia Santapaola-Ercolano di Catania. A lui sono stati inflitti venti anni di carcere.

L'uomo, 29 anni, della procura etnea diventando a tutti gli effetti un pentito di mafia. Tuttavia lo scorso ottobre aveva cambiato registro interrompendo la collaborazione e ritrattando tutto. Mimmo Assinata junior era diventato celebre nel 2015, grazie al doppio inchino di altrettanti cerei, con tanto di bacio da parte di un portatore, in occasione della festa di Santa Barbara. Un momento, secondo la questura, che fu indice di «una chiara manifestazione della forza intimidatrice tipica del potere mafioso» con sottofondo musicale sulle note della pellicola del Padrino. 

Le altre condanne hanno riguardato il suocero di Assinnata, Erminio Laudani, al quale è stata inflitta una pena a vent'anni di carcere; al cognato dell’ex pentito Gaetano Laudani il giudice per l'udienza preliminare ha inflitto dodici anni e due mesi di carcere. E ancora Ivan Gianfranco Scuderi, Marco Giuseppe Sciacca, Cristian Terranova, Samuele Cannavò, condannati tutti a dieci anni di reclusione; e Marco Impellizzeri, condannato a dieci anni e due mesi di reclusione. A Mimmo Assinnata junior e ai due Laudani è stata contestata l’associazione mafiosa e l’associazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Quest’ultimo reato è stato invece contestato al resto degli imputati. Assolto, invece, il calabrese Rocco Anello

Il collegio difensivo era composto dagli avvocati Antonio Giuffrida, Andrea Giannninò, Carmelo Lo Presti, Vittorio Lo Presti, Antonio Gullotta, Salvatore Milicia e Massimo D’Urso. Saranno invece giudicati con rito ordinario Rosario Sammartino, Alex Atanasio e Francesco Iannino. Il processo si aprirà il prossimo 9 gennaio. A seguito delle indagini condotte dai carabinieri e che si sono concretizzate con l’operazione Assalto, la procura ha accertato che, nel periodo finito sotto inchiesta, le redini del clan sarebbero state tenute da Gaetano Laudani, cognato di Domenico Assinnata, e da suo padre Erminio, suocero del rampollo. 

Fondamentali per lo svolgimento delle indagini sono state le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Orazio Farina e Antonino Caliò, nonché Mirko Presti, Sebastiano Sardo e Francesco Musumarra. Per gli inquirenti, sarebbero stati gli Assinnata a gestire le piazze di spaccio cittadine: hashish, marijuana e cocaina sarebbero stati un business di famiglia. Una gestione comunque familiare dello spaccio della droga. A testimoniare la rilevanza di Erminio e Gaetano Laudani nell’ambito della famiglia le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews