Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Paternò prenderà vita il Parco delle Salinelle
Ingv: «Studiarle per conoscere il cuore dell'Etna»

Un milione e mezzo di euro serviranno per costruire una futura area tutelata e aperta alla fruizione del pubblico. I soldi sono affidati alla sinergia tra Regione Siciliana e Comune paternese, mentre l'approfondimento scientifico spetta all'Ingv

Salvatore Caruso

Qualcosa si muove, stavolta concretamente. C’è un progetto per la riqualificazione del sito delle Salinelle di Paternò che si trovano nella zona dello stadio. Uno spettacolo della natura, un fenomeno di vulcanesimo secondario che da tempo è sotto l’attenzione dell’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia per la sua importanza scientifica e per il legame con le evoluzioni interne dell’Etna. La valorizzazione è pensata anche dal punto di vista turistico e culturale: sul piatto ci sono quasi un milione e mezzo di euro affidati alla sinergia tra Regione Siciliana e Comune di Paternò.

Il municipio ha ceduto l'area, attraverso un protocollo d'intesa, proprio alla Regione. Condizione necessaria affinché il progetto possa essere portato avanti. All’Ingv, al quale è riservata la parte scientifica dell’accordo, sarà affidata la gestione di una sala di controllo e monitoraggio, dove saranno installati dei terminali informatici, da collocare all’interno della struttura dell’ex macello. «Le Salinelle di Paternò emettono dei gas - spiega Salvo Giammanco dell’Ingv, presente alla illustrazione del progetto - Una piccola parte è costituita da metano ma il resto sono gas magmatici che per noi diventano fondamentali: provengono dai serbatoi più profondi dell’Etna. Monitorare le Salinelle vuol dire avere il polso della situazione del vulcano». 

Il progetto prevede la creazione di un Parco delle Salinelle che si estenderebbe per circa undicimila metri quadrati con l’area tutta recitata. Prevede di creare al suo interno una zona verde attrezzata, realizzare degli argini delle vasche di sedimentazione dell'argilla, dare via a dei percorsi con terra stabilizzata naturale, raschiando e togliendo l’asfalto dove c’è attualmente. E poi collocare delle passerelle per consentire una maggiore e comoda fruibilità a tutti coloro che vogliono visitare le Salinelle, installare illuminazione alimentata con pannelli fotovoltaici, realizzare dei muretti in terra cruda con  belvedere. Il tutto dovrebbe vedere la luce tra 18 mesi, al massimo due anni

Questa mattina a spiegare il perché del progetto e le sue finalità il presidente Nello Musumeci, il quale ha ringraziato pubblicamente il gruppo consiliare di Diventerà Bellissima (composto da Anthony Distefano e Giuseppe Lo Presti), i quali lo scorso mese di ottobre inviarono una lettera aperta al governatore siciliano per chiedere un intervento della Regione per riqualificare il sito. Ad accogliere Musumeci il sindaco Nino Naso, accompagnato dall’intera giunta, dal presidente del consiglio Filippo Sambataro e da alcuni consiglieri. Presenti i deputati regionali del territorio Gaetano Galvagno, Alfio Papale e Giovanni Bulla .

«Il Governo della Regione ritiene che le Salinelle possano diventare un polo d’attrazione turistico ma anche didattico, accademico e scientifico. Con il Comune abbiamo concordato la cessione dell’area, con l’Ingv abbiamo valutato la parte scientifica. È un’opera per tutta la città e io sono convinto che Paternò abbia bisogno di una vicinanza da parte del Governo della Regione che sarà assicurata su idee e progetti concreti», dichiara Musumeci. Allontanatosi dalle Salinelle, Musumeci ha effettuato un sopralluogo al velodromo, progettato e realizzato alla fine degli anni Novanta quando l'attuale presidente della Regione era a capo della provincia di Catania. Ai tempi l'impianto costò oltre tre miliardi di lire.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews