Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Stangata al patrimonio trentennale dei Santapaola
Prestanome insospettabili e società salvadanaio

A distanza di tre decenni, l'indagine che ha portato all'operazione Samael è nata «da un momento di crisi finanziaria dell'organizzazione che ha cominciato a intaccare gli investimenti storici», ricostruiscono gli inquirenti. Guarda il video e le foto

Marta Silvestre

«Un’indagine un po’ particolare». È così che il vicecomandante del Ros dei carabinieri di Catania, Giancarlo Scafuri, ha definito l'operazione Samael (nome che, nella tradizione ebraica indica un angelo caduto dal suo stato di grazia) che ha portato all'arresto di nove persone - accusate a vario titolo di associazione mafiosa, concorso esterno, estorsione, riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e illecita concorrenza con minaccia - e al sequestro di un patrimonio di 12 milioni e 660mila euro fatto di società e beni immobili. «Un'indagine tipicamente patrimoniale - spiega - che ha consentito una ricostruzione certosina di circa trent'anni di investimenti fatti dal clan Santapaola-Ercolano quando c'era ancora la vecchia lira e gestiti, pure bene, da prestanome anche insospettabili». 

A distanza di tre decenni si ricostruisce la storia di un patrimonio enorme risalente a vecchi investimenti fatti da Benedetto Santapaola, Aldo Ercolano e Francesco Mangion e sulla gestione da parte di imprenditori che si sarebbero prestati a ricevere capitali di provenienza illecita e a reinvestirli in attività lecite. L'indagine nasce «da un momento di crisi finanziaria del clan che comincia a intaccare anche gli investimenti storici», illustrano gli inquirenti. 

Il principale indagato è  Giuseppe Cesarotti. Ritenuto uomo d'onore che aveva dato sostegno logistico durante la latitanza di Benedetto Santapaola. «Lui aveva ancora il privilegio di potersi interfacciare direttamente con la famiglia di sangue - sottolinea il comandante del Ros - e, in virtù del suo antico legame di fiducia, costituiva la cinghia di collegamento per il clan». Degli originari investitori era lui l'unico libero e vivente. Per rientrare in possesso del denaro a suo tempo investito, Cesarotti sarebbe anche diventato il garante degli interessi di chi «è nell'altra vita» dice lui stesso riferendosi a Mangion e di «coloro che sono sepolti vivi», ovvero gli ergastolani Santapaola e Ercolano. 

Vincenzo Pulvirenti

Armando Pulvirenti

Cateno Russo

Francesco Antonino Geremia

Giuseppe Cesarotti

Giuseppe Mangion, detto Enzo

Orazio Di Grazia

Mario Palermo

Salvatore Cesarotti

È dalle sue conversazioni con Giuseppe Mangion (detto Enzo), figlio del defunto Francesco detto Ciuzzu u firraru e già consigliere di Nitto Santapaola, che partono gli investigatori. Stando a quanto ricostruito, Cesarotti avrebbe consegnato a Mangion cospicue somme di denaro contante, una parte delle quali era destinata ai figli di Santapaola e alla moglie di Ercolano (che è la sorella di Enzo Mangion). Seguendo il filo rosso dei contatti tra Cesarotti e Mangion è emerso che l'imprenditore farmaceutico Mario Palermo, tra gli anni Ottanta e Novanta, come titolare fittizio della società Tropical Agricola Srl (oggi sequestrata e già Antoniocostruzioni Srl) avrebbe acquistato beni immobili con fondi provenienti da Santapaola, Ercolano, Mangion e Cesarotti (effettivo titolare della società). Sarebbe stato lui poi, negli anni Novanta, a curare la latitanza di Ercolano e Mangion. Nel corso dell'indagine sarebbe emerso il suo impegno, in concorso con Cesarotti e Mangion, nell'alienazione a favore di terzi in buona fede del patrimonio immobiliare della società. L’ammontare dell’originario investimento è stato quantificato in due milioni di vecchie lire

A disposizione dell'organizzazione sarebbe stato anche Francesco Geremia che «vestito da consulente e presentandosi come delegato della società, era il faccendiere che curava una parte degli interessi della Tropical Agricola, società che è stata il salvadanaio del clan Santapaola-Ercolano». Sarebbe stato lui a curare, per conto degli associati, i rapporti con le pubbliche amministrazioni e, in particolare, con il Comune di Catania

Negli anni Novanta Santapaola, Ercolano, Mangion e Cesarotti, tramite la società  Mascali Srl, acquistano un rilevante appezzamento di terreno sul quale realizzare immobili. Negli anni 2000, la società viene venduta a ignari imprenditori che diventano oggetto di richieste estorsive formulate da Cesarotti per recuperare così le somme investite. Dopo la pretesa dell'intestazione di un appartamento, per sollecitare gli imprenditori a pagare, Cesarotti avrebbe ordinato l'incendio dello stabilimento balneare di Mascali Jaanta Bi, avvenuto la notte tra il 24 e il 25 agosto del 2017. 

Minacce e aggressioni fisiche per tentare di rientrare in possesso della quota degli investimenti (quantificata in un milione e 800mila lire). Nello specifico, dopo la cessione della società, Cesarotti si sarebbe presentato dagli imprenditori come loro creditore  ottenendo il pagamento tra il 2007 e il 2011 di circa 500mila euro. Negli anni successivi, le richieste e le pressioni sarebbero continuate fino all'incendio. Di questa vicenda si trova traccia anche nella sentenza Orsa Maggiore: «I Cesarotti provvedevano a reinvestire i proventi illeciti per conto della famiglia Santapaola, sfruttando le loro conoscenze con il sindaco di Mascali Biagio Susinni per conto di Santapaola dovevano acquistare dei terreni agricoli che presto sarebbero diventati edificabili ». 

Altri beni immobili erano stati acquistati, sempre negli anni Novanta, tramite la società Co.Invest Srl. Per questo, è stato disposto il sequestro di beni riconducibili a Cesarotti: circa 20 ettari di terreni a Belpasso e villette a Marina di Gioiosa (in provincia di Reggio Calabria). Durante l'indagine, è stato inoltre accertato che Giuseppe e Salvatore Cesarotti, anche se formalmente estranei agli assetti della Lt Logistica e Trasporti Srl e della Gr Transport Logistics Srl (adesso tutte e tre sequestrate), avrebbero «personalmente curato e fatto fronte, con metodo mafioso, alle vicissitudini aziendali, intervenendo tanto sui committenti quanto sugli altri operatori del settore dei trasporti» per acquisire una posizione di monopolio sul mercato anche con minacce e intimidazioni .

Elenco degli arresti
Con custodia cautelare in carcere
1. Giuseppe Cesarotti (classe 1944)
2. Salvatore Cesarotti (figlio di Giuseppe, classe 1965)
3. Orazio Di Grazia (classe 1982)
4. Francesco Antonino Geremia (classe 1960)
5. Giuseppe Mangion, detto Enzo (classe 1959)
6. Armando Pulvirenti (classe 1955)
7. Cateno Russo (classe 1981)
Agli arresti domiciliari
8. Mario Palermo (classe 1944)
9. Vincenzo Pulvirenti (classe 1952)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews