Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Librino accoglie Crocetta e la sua giunta
«Siate cittadini, non soltanto elettori»

La giunta regionale guidata dal governatore Rosario Crocetta ha fatto tappa stamattina al Palanitta di Librino, che dal 2013 diventerà zona franca urbana, con vantaggi fiscali ed economici per le aziende che vorrano investire nel quartiere. «Glielo dovevo a questa gente, ho rispettato l'impegno», rivendica il presidente. Tra i tanti temi trattati anche la realizzazione di un liceo polifunzionale a Librino e il Muos. «Lavoriamo alla revoca delle autorizzazioni, ho scoperto che manca un documento importante», ha spiegato l'assessore all'Ambiente. Guarda i video e le foto

Salvo Catalano

Alcuni volti ancora neanche si conoscono. Altri sono contesi da tutte le televisioni. Ma la giunta regionale guidata dal governatore Rosario Crocetta è accolta al Palanitta di Librino come un dream team. Sarà che, come sottolinea l’assessore e scienziato Antonino Zichichi, «è la prima volta che un politico porta un organo di governo nel luogo in cui ci sono i problemi». Nel più degradato quartiere di Catania Crocetta aveva iniziato la sua campagna elettorale. E qui è tornato per la seconda tappa, dopo Brancaccio, delle sedute itineranti della sua giunta.

[youtube

&feature=plcp[/youtube]

«Glielo dovevo a questa gente – esordisce il presidente – avevo preso un impegno: trovare le risorse per far partire la zona franca urbana. Adesso questo progetto di sviluppo importante non è più un desiderio, ma a partire dal 2013 sarà realtà». Librino è stata inserita nell’elenco delle 17 zone franche urbane siciliane, una speciale condizione per quartieri o città dove è più forte il degrado sociale ed economico, che prevede agevolazioni fiscali ed esonero contributivo per le aziende che decidono di investire su questi territori. «Librino la aspettava dal 2007 e adesso è realtà – ha rivendicato Crocetta – significa che chi verrà qui per aprire un’attività commerciale, una bottega artigianale o un’officina non pagherà le tasse per cinque anni. Questo crea un meccanismo di crescita immediata».

Il governatore è arrivato a braccetto con l’artista e mecenate Antonio Presti, le cui iniziative Crocetta ha lodato pubblicamente. «Dobbiamo essere orgogliosi di essere di Librino», ha urlato quindi ai tanti ragazzi delle scuole che hanno riempito il Palanitta. La formazione e la scuola sono stati due dei temi principali dell’incontro di oggi. A Librino vive quasi il 18 per cento dei giovani di Catania. «Eppure – denuncia Loredana Gioia, presidente della nonan municipalità – non esistono istituti d’istruzione superiore, né facoltà universitarie, né scuole di formazione professionale». Concetto ribadito dal sindaco Raffaele Stancanelli che ha sottolineato come «sia diventato impossibile erogare servizi con tagli del 41 per cento delle risorse dalla Regione». Crocetta ha annunciato che è in discussione la realizzazione di un liceo polifunzionale a Librino.

http://www.flickr.com/photos/ctzen_catania/sets/72157632238039120/show/

Quindi, dopo aver ascoltato insegnanti, commercianti e bambini, ha invitato tutti ad abbandonare la logica clientelare che ha spesso segnato il quartiere. «Quando sono venuto qui in campagna elettorale – racconta il presidente – una signora si è avvicinata chiedendomi dove poteva ricevere il pacco della spesa. “Questa è una manifestazione politica”, gli dissi. “Appunto”, mi rispose. A Librino si viene solo per le elezioni, ma adesso non è più così. Dovete essere cittadini, non solo elettori». La giunta ha preso posto, insieme agli amministratori locali, attorno al lungo tavolo posto al centro del Palanitta. Una seduta mediatica, a margine della quale diversi assessori si sono fermati a parlare dei problemi di loro competenza.

[youtube

&feature=plcp[/youtube]

Innanzitutto il Muos, il sistema americano di antenne per la comunicazione militare in costruzione a Niscemi. Crocetta in campagna elettorale aveva promesso che avrebbe revocato i permessi per la realizzazione dell’impianto. Oggi, come spesso nelle settimane scorse, i comitati erano presenti per ricordare quell’impegno al governatore, al quale è stata anche regalata una maglietta con il logo No Muos. Crocetta ha ribadito di essere vicino ai comitati ed in continuo contatto con Prefettura e Ministro dell’Interno per «garantire che i manifestanti vengano rispettati».

[youtube

&feature=plcp[/youtube]

«Bisogna fare in modo che si arrivi ad una revoca che regga», ha spiegato prima di lasciare la parola all’assessore all’Ambiente Mariella Lo Bello. «Da dieci giorni nella mia borsa ci sono solo i documenti sul Muos – ha affermato l’assessore parlando direttamente ai ragazzi del comitato – e tra queste carte non ho trovato il documento sulla valutazione d’incidenza, che mi risulta non essere mai stato richiesto da parte della Regione». La strada per fermare l’impianto sembra quindi essere quella amministrativa, più che politica, e la mancanza di un documento importante che sarebbe dovuto essere richiesto dal precedente governo, può rappresentare un punto a favore di chi si batte contro il Muos. La settimana prossima Lo Bello dovrebbe incontrare a Palermo i comitati.

[youtube

&feature=plcp[/youtube]

Altro tema scottante è stato quello dei rifiuti. L’assessore ed ex magistrato di origini catanesi, Nicolò Marino, ha annunciato che «dal 1 gennaio i sindaci saranno liberi di gestire direttamente il servizio». Il 31 dicembre finirà il periodo di commissariamento degli Ato, da quel momento in poi – spiega Marino - «servirà del tempo, almeno cinque mesi, per preparare una riforma organica nel settore dei rifiuti». Non è chiaro cosa ne sarà delle Srr, le società di regolamentazione dei rifiuti, previste dalla riforma del precedente governo Lombardo e già costituite in diverse zone dell’isola . «Bisogna valutare bene anche la questione del personale degli Ato – conclude l’assessore – che non può essere riassorbito da enti territoriali e che rischia di creare problemi di ordine pubblico e sindacale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×