Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Allora scelga se fare l'avvocata o la mamma»
Così il giudice catanese liquida la professionista

Aula di via Crispi, una mattina di udienze slittate di ora in ora. Silvia Neri, 36 anni, chiede al magistrato la scaletta dei procedimenti da trattare. E lui la gela con quella frase. «Non credo che a un uomo avrebbe detto una cosa simile», racconta lei a MeridioNews

Francesco Vasta

«E allora scelga se fare l'avvocata o la mamma». Una caduta di stile, a essere buoni. La catanese Salvina Silvia Neri, 36 anni, non ci ha pensato due volte e subito ha scritto sui social di quello scambio infelice di battute. «Ero molto adirata, non era quella la sede per una frase di questo tipo, non è quello il comportamento che mi aspetto da un magistrato», racconta a mente fredda la stessa protagonista a MeridioNews. Il suo interlocutore era il giudice Guido Oliva del tribunale di Catania. Pochi minuti di parole che si traducono «in una mancanza di rispetto immotivata, aldilà della frase in sé dallo squallido contenuto sessista», dice Neri.

Tutto è avvenuto ieri mattina, in un'affollata aula della sede giudiziaria di via Crispi. Le udienze del giorno erano già slittate alle 10.30. «C'erano state delle disfunzioni, il giudice aveva avuto altri impegni sempre in tribunale - racconta la professionista - e abbiamo trovato un foglio di carta con il nuovo orario di inizio dei lavori, anche quello poi ulteriormente posticipato». Una volta iniziato l'esame dei procedimenti, l'avvocata Neri comincia a preoccuparsi per l'ora: «Dovevo andare a prendere i miei figli a scuola a Sant'Agata Li Battiati, ma non era questo il punto. Sarebbe bastato avere una scaletta delle udienze per avere tutti modo di organizzarci al meglio». Questo l'oggetto della richiesta che Neri avrebbe formulato di lì a pochi minuti.

L'ordine di lavoro del giudice, infatti, non era conosciuto dagli avvocati presenti in aula. Un modo di procedere che, come ricordano anche altri professionisti del foro etneo, risponde alla prassi quotidiana. «Si è iniziato così a trattare le udienze con un ordine che non ci viene comunicato - racconta Neri - e quindi mi sono avvicinata per chiedere notizie, dicendo al giudice che avevo i bambini in uscita da scuola e che volevo sapere come si sarebbe andato avanti. Del resto si trattava anche di una prima udienza». 

Parole che innescano la reazione fuori dai binari di Oliva. La conversazione si chiude rapidamente, nel gelo della sala. «Comprendo come anche i giudici si trovino sotto pressione, che ci siano momenti di nervosismo è normale, ma in un tribunale tutti meritano rispetto, le gerarchie non giustificano certe frasi», commenta l'avvocata catanese. Convinta anche che lo stesso trattamento non sarebbe stato riservato a un collega di sesso maschile: «Non credo che a un uomo avrebbe mai detto "scelga di fare l'avvocato o il papà"», aggiunge polemicamente. Anche nei confronti di quei colleghi che l'hanno criticata.

Del resto, subito dopo il battibecco, in aula avrebbe dominato il silenzio. «Tutti sono rimasti zitti, solo dopo ho ricevuto tanti messaggi di solidarietà, ma anche diverse critiche. C'è chi mi rimprovera di essere stata troppo scontrosa o fuori luogo». Altri avvocati etnei, pur prendendo le distanze dalle parole del giudice, provano infatti a spostare il dibattito: «La frase non va giustificata, ma alla base c'è un problema di disorganizzazione del tribunale». La vicenda, in ogni caso, verrà discussa anche dal consiglio dell'Ordine etneo degli avvocati.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews