Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Prescrizione salva l'assessore regionale Manlio Messina
Ipotesi truffa ai danni dello Stato per fedelissimo Meloni

A quasi otto anni dalle contestazioni la giustizia si è arresa davanti l'incedere del tempo. Si conclude con un nulla di fatto la vicenda che vedeva alla sbarra l'esponente di Fratelli d'Italia. Accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato insieme ad altre due persone

Dario De Luca

Diciotto giorni trascorsi senza particolari sussulti. Giusto il tempo per dichiarare ufficialmente estinta, per avvenuta prescrizione, l'accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato. Ipotesi di reato che pendeva da quattro anni sulla testa di Manlio Messina, assessore regionale allo Sport e al Turismo e fedelissimo di Giorgia Meloni in Sicilia. L'udienza di oggi così si è trasformata in una pura formalità, come già anticipato da MeridoNews. Poco più di due settimane fa l'ultima udienza nei locali dell'ex pretura di via Francesco Crispi, utile per calcolare con esattezza i termini per mettere in archivio il caso. I fatti d'altronde risalivano a sette anni e mezzo fa, quando Messina occupava uno degli scranni del Consiglio comunale di Catania. 

Insieme all'assessore, entrato nel governo Musumeci dopo Sandro Pappalardo, anche lui di Fratelli d'Italia, c'erano imputati Giuseppe Anastasio Privitera e Daniele Agatino Belfiore. Entrambi soci amministratori della PRI.BEL, la società in cui dal 2010 Messina sarebbe stato assunto con il ruolo di direttore commerciale. Sotto i riflettori della guardia di finanza finì proprio l'incarico a Messina e i rimborsi percepiti dall'impresa e sborsati dal Comune, durante il mandato da consigliere. Un «ingiusto profitto», secondo i pm pari a 31mila 450 euro che la legge concede ai datori di lavoro per gli impegni istituzionali dei suoi dipendenti. 

In realtà, per la procura, Messina non avrebbe potuto assolvere ai suoi compiti da direttore commerciale per le «incombenze istituzionali, inducendo quindi il Comune in errore in relazione all'esistenza dell'effettivo rapporto di lavoro», si legge nel decreto che dispone il giudizio. Per l'accusa, in soldoni, si sarebbe trattato di un «rapporto di lavoro simulato». Contestazioni rimaste solo sulle carte, anche perché a caratterizzare il processo sono stati dei continui rallentamenti. In particolare le tante notifiche andate a vuoto e i rinvii a distanza di mesi

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews