Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Treni del gol, flussi anomali di scommesse sul Catania
FederBet: «Sconcertati dalla precisione delle puntate»

Nel processo che vede alla sbarra Nino Pulvirenti, parla Francesco Baranca, segretario della federazione che si occupa di analizzare l'andamento del betting nel calcio. «Le partite combinate lasciano una traccia indelebile», dice in aula durante la testimonianza

Dario De Luca

«Le partite di calcio combinate lasciano una traccia indelebile che è la modifica dell'andamento delle quote su cui scommettere». Parte da questa considerazione generale l'avvocato Francesco Baranca per cercare di spiegare il flusso di giocate durante alcune partite sospette del Calcio Catania. Incontri risalenti al 2015, durante la stagione in cui la squadra etnea militava nel campionato di serie B, poi finiti al centro dell'inchiesta I treni del gol e del processo che ne è scaturito. Alla sbarra ci sono l'ex presidente, e attuale proprietario, del Calcio Catania Nino Pulvirenti, l'ex amministratore delegato Pablo Cosentino, Fernando Arbotti, Piero Di Luzio, Giovanni Impellizzeri, l'ex direttore sportivo Gianluca Delli Carri e Fabrizio Milozzi.

Oggi l'ultimo appuntamento in aula del 2019 con la testimonianza dell'ex responsabile area legale del colosso SKS365 e attuale segretario generale di FederBet, la federazione indipendente con sede in Belgio che si occupa da diversi anni di monitorare l'andamento delle scommesse nel calcio mondiale. «Il nostro ruolo - spiega alla corte presieduta da Roberto Passalacqua - è quello di garantire l'integrità delle competizioni. E tra i nostri maggiori successi ci sono alcune segnalazioni che hanno dato il via alle inchieste giudiziarie sulla Pro Patria e sullo stesso Catania, oltre a quelle riguardanti alcune partite truccate in Spagna». 

Tra i tanti incontri nel mirino di FederBet finisce la partita Varese-Catania, giocata ad aprile 2015 e conclusa con la vittoria degli etnei per 0-3. «Le quotazioni sulla vittoria degli ospiti si abbassarono in modo assolutamente anomalo, in una partita senza particolari assenze in campo». Il protocollo a questo punto, anche in virtù di contratto che legava FederBet proprio al Varese, prevedeva la chiamata in causa della società. «Ho avvertito il direttore sportivo - continua Barranca - che poi ha agito in autotutela facendo presente la situazione ai suoi giocatori. La cosa assurda fu che subito dopo la quota tornò ad essere normale ma della vicenda informammo anche la procura di Busto Arsizio». 

Stando ai parametri di FederBet in quella partita si toccò il massimo grado del livello d'allerta. «Cinque punti su cinque - continua il testimone - con un calo della quota, nei tre giorni precedenti alla partita, del 165 per cento. Insomma il Catania si era trasformato nel Real Madrid e la quota dava certezza della vittoria degli etnei». Quella con il Varese non è però l'unica partita finita nel mirino. Per l'incontro Catania-Trapani il segretario di FederBet ricorda di «anomalie eclatanti che andavano ogni oltre parametro di rischio». In quella partita gli scommettitori «bombardano» di puntate la vittoria del Catania, il gol di entrambe le squadre e la fine del primo tempo con il Trapani in vantaggio. Tre scenari che, come per magia, si realizzano. «Erano ipotesi talmente specifiche - precisa Barranca - che ci lasciarono letteralmente sconcertati. C'erano richieste di giocate così elevate che alcuni bookmaker dovettero rifiutarle. Insomma c'era una sorta di pandemia della scommessa».

In quella stagione maledetta, quando il Catania si salva all'ultima giornata contro il Carpi ma viene retrocesso in Lega Pro dal tribunale della Figc, nei confronti di alcune partite dei rossazzurri le puntate sarebbero avvenute in modo seriale, seguendo uno schema preciso. «Prima si giocava nel circuito dei Monopoli di Stato - spiega Barranca - e solo successivamente si puntava su quello asiatico. Che è più difficile da raggiungere anche perché non ci si può recare fisicamente a Singapore». Durante la testimonianza, sollecitato dalle domande del magistrato Alessandro Sorrentino, Barranca cita altri tre incontri: ossia quelli disputati nella partita di ritorno contro il Trapani, il 16 maggio 2015 contro il Cittadella e infine lo scontro con il Livorno. «Contro il Cittadella per la prima volta il trend delle scommesse privilegiava gli ospiti. Ma a pochi minuti dall'inizio della partita si assiste a una sproporzione di giocate sulla quota X2 e un numero di gol superiori a 3,5». Alla fine la partita si chiude, nonostante lo 0-0 del primo tempo, con una rocambolesca vittoria del Catania per 3-2. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews