Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vendita del Catania, Follieri tallona Nino Pulvirenti
Col sindaco all'Excelsior. Ma l'attesa è per il patron

Il discusso imprenditore, accompagnato da Riccardo Fabbro, spera ancora di potere vedere il presidente e Lo Monaco. Intanto proseguono i faccia a faccia con i possibili investitori. Ad accoglierlo in aeroporto Nico Torrisi e Silvio Ontario

Dario De Luca

«Non siamo padroni della nostra agenda. Aspettiamo l'incontro». Poche parole a MeridioNews, pronunciate al telefono da Riccardo Fabbro, che mettono l'ennesimo punto interrogativo nella trattativa per la vendita del Calcio Catania. Il tanto atteso faccia a faccia tra Nino Pulvirenti, patron della società rossazzura, e il controverso Raffaello Follieri, l'imprenditore di San Giovanni Rotondo che ha sbandierato ai quattro venti la volontà di comprare il club, non c'è ancora stato. Stesso discorso per la chiacchierata con l'amministratore delegato Pietro Lo Monaco

Follieri è atterrato nel capoluogo etneo ieri pomeriggio, accompagnato proprio da Fabbro. Quest'ultimo dal 2017 è titolare, insieme al socio Marco Minotti, di Futbol Management, agenzia con base a Roma che si occupa di procuratori sportivi. A legare il 33enne alla Sicilia è anche l'esperienza da direttore generale del Trapani Calcio. Il duo Fabbro-Follieri è stato accolto all'aeroporto Fontanarossa dagli imprenditori Silvio Ontario Nico Torrisi. Esponente di Confindustria ed ex presidente di Pubbliservizi, il primo, vicepresidente regionale di Compagnia delle opere e amministratore delegato della Società aeroporto di Catania, il secondo. Subito dopo è cominciata una lunga sequenza di incontri tra Follieri e alcuni imprenditori locali. I nomi, almeno per il momento, restano top secret

Di certo c'è l'incontro con il sindaco Salvo Pogliese. Tifoso del Catania - abbonato da anni in tribuna B - e nelle scorse settimane protagonista di una dura presa di posizione sulla situazione della società che ha mandato su tutte le furie l'amministratore Lo Monaco. Secondo quanto appreso da MeridioNews l'incontro tra Follieri e il sindaco, durato circa mezz'ora, si è svolto nella hall dell'hotel Excelsior di piazza Giovanni Verga. A fare da tramite, rivela la fonte al nostro giornale, sarebbero stati alcuni influenti personaggi, su tutti proprio Ontario.

L'incontro con Pogliese ha rappresentato l'occasione per «ribadire in maniera ufficiale la volontà del gruppo Follieri - si legge in una nota -, allargato a una cordata di imprenditori locali, di investire su un serio progetto che da qui a cinque anni possa riportare il Catania in serie A». Per riuscirci però bisogna prima comprare. Follieri assicura di potere fornire rassicurazioni per le vie ufficiali all'attuale proprietà, «sempre se veramente intenzionata a vendere». Entro domani bisogna trovare l'unico punto d'incontro: cioè quello del faccia a faccia, magari a Taormina, con Nino Pulvirenti. Nell'attesa, Follieri passerà la notte nel prestigioso hotel Baia Verde di Nico Torrisi. 

La trattativa però non è semplice anche per il momento di forti fibrillazioni che sta vivendo il Catania. Lunedì per il patron Pulvirenti sul tavolo arriverà il nodo Meridi, la società a cui fa capo il marchio della grande distribuzione Fortè. Travolta dalla crisi e con diversi punti vendita destinati alla locazione a favore dei pugliesi di Apulia. Ma a destare grande interesse è la decisione, che potrebbe arrivare proprio lunedì, del tribunale fallimentare di Catania, sul piano di ristrutturazione del debito offerto da Pulvirenti. 

Follieri, che in passato ha già provato a entrare nel mondo del pallone fallendo però l'acquisto di Foggia e Palermo, si dice pronto con la sua Follieri Capital Limited a firmare un patto di riservatezza con il Catania. Ossia l'accordo che dovrebbe tutelare le parti nella trattativa e la confidenzialità delle informazioni. Alla stipula Follieri annuncia di essere in grado anche di presentare il documento che dovrebbe attestare la provenienza dei fondi. Proprio il nodo economico è uno dei più nebulosi di questa storia. La società di Follieri ha base a Londra e, come dimostrano alcuni documenti visionati da MeridioNews, ne fanno parte il padre Pasquale e altri due soggetti: nello specifico Laurie Campbell Myers e il potente lobbista americano Anthony Podesta. Quest'ultimo è sicuramente il nome più noto, anche perchè il fratello John è stato capo di gabinetto di Bill Clinton e ha curato la campagna elettorale della moglie Hillary alle presidenziali. 

Anthony Podesta è noto anche in virtù del suo coinvolgimento nel cosiddetto Russiagate sulle interferenze russe nella campagna elettorale americana. Prosciolto a settembre, è stato indagato dal procuratore speciale Robert Muller per i collegamenti con Paul Manafort, l'ex presidente della campagna elettorale di Trump. Secondo l'accusa, una società di Podesta avrebbe avuto collegamenti con una no-profit ucraina sostenuta dal partito locale filo russo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews