Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vendita Catania, Follieri riparte ma non demorde
Arancini, Sant'Agata e cena a palazzo Manganelli

L'imprenditore non ha incontrato Nino Pulvirenti ma tra i due ci sono state delle manovre d'avvicinamento. Ieri sera il banchetto esclusivo, nelle sale dello storico edificio, organizzata dall'Ance. Prima un pomeriggio di appuntamenti e tipicità locali

Dario De Luca

Alla fine il tanto atteso faccia a faccia non c’è stato, ma qualcosa nelle ultime dodici ore sembra essersi mosso davvero. L’imprenditore Raffaello Follieri sta per lasciare Catania ma il suo non dovrebbe essere un volo di sola andata. Secondo alcune fonti, contattate da MeridioNews, resterebbe immutata, «anzi ulteriormente rafforzata» la convinzione di comprare il Calcio Catania e rilanciarlo sui grandi palcoscenici. Magari riportandolo in serie A. Prima però bisognerà inevitabilmente sedersi al tavolo con Nino Pulvirenti. Tra i due non c’è stato il summit sperato ma una lunga e complessa manovra di avvicinamento. Passata per alcuni messaggi e per una chiacchierata con un emissario dell’ex presidente e attuale patron del club che milita in Lega Pro.

In mezzo una rete di relazioni che in questi giorni Follieri, originario di San Giovanni Rotondo e già noto per i falliti tentativi di acquistare Foggia e Palermo, è riuscito incanalare in città grazie al lavoro svolto dal suo braccio destro Riccardo Fabbro e dall’imprenditore Silvio Ontario. Proprio quest’ultimo, ex presidente della Pubbliservizi e noto esponente di Confindustria, avrebbe aperto in città diverse porte a Follieri. L’obiettivo dell’ambizioso acquirente è quello di fare entrare nell’operazione Calcio Catania una cordata di investitori locali, i cui nomi per il momento sono coperti dal più stretto riserbo. E chissà che tra questi possa trovare spazio anche Ontario. L’ex presidente di Confindustria giovani ha accolto Follieri all’aeroporto Fontanarossa con tanto di selfie insieme all’amministratore delegato di Sac e vicepresidente di Compagnia delle opere Sicilia Nico Torrisi.

Poi l’agenda si è andata via via riempiendo in una vera e propria full immersion nella città. Compresa una passeggiata tra piazza Duomo e piazza Università interrotta da una sosta per gustare un arancino, rigorosamente al ragù. Ieri sera invece l’esclusiva cena organizzata nella cornice di palazzo Manganelli da Giuseppe Piana, presidente dell’Associazione nazionale costruttori edili. Gli onori di casa sono toccati al sindaco Salvo Pogliese, omaggiato con il libro Catania e i suoi costruttori. Per il primo cittadino, noto per essere anche tifoso abbonato in tribuna B, si è trattato però di un secondo tempo, perché con Follieri si era già visto nella hall dell’hotel Excelsior. Un colloquio durato circa mezz’ora utile all’imprenditore per spiegare le sue ambizioni. Intenzionato a investire ma a quanto pare non solo nel calcio. La sua infatti potrebbe essere un’apertura anche al settore petrolifero. Ambito che rappresenta già il core business della famiglia Follieri grazie alle società South oil e Blue lion maritime transport.

Ma cosa succederà adesso? Follieri e il suo gruppo, che ha nella società di diritto inglese Follieri capital limited l’ammiraglia, si sono detti pronti firmare un patto di riservatezza con il Catania. Ossia l'accordo che dovrebbe tutelare le parti nella trattativa e la confidenzialità delle informazioni. All’eventuale stipula Follieri annuncia di essere in grado di presentare il documento che dovrebbe attestare la provenienza dei fondi. Ambito quest’ultimo che suscita i maggiori punti interrogativi considerando com’è andata a finire con il Palermo. L’attenzione intorno al Catania resterà ai massimi livelli, anche perché lunedì prossimo potrebbe essere una giornata particolarmente importante per il patron Pulvirenti e il futuro di Meridil’azienda della grande distribuzione titolare del marchio Fortè. Intanto c’è chi giura che Follieri tornerà presto a Catania, magari per la festa di Sant’Agata.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews