Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Crisi supermercati Fortè, ormai è scontro aperto
E Pulvirenti chiede l'amministrazione controllata

La trattativa con il marchio pugliese Apulia sembra essersi impantanata. «Va avanti», assicurano i sindacati. Ma le cose si complicano. In tribunale creditori e procura si oppongono alla richiesta del patron del Calcio Catania e spingono per il fallimento

Carmelo Lombardo

Sembrava che le cose si semplificassero: la decisione di Antonino Pulvirenti di chiedere l'amministrazione controllata per la società Meridi, che gestisce il marchio Fortè, poteva essere un modo per togliere le castagne dal fuoco al patron del Calcio Catania. In tribunale, però, le cose non sono andate in modo facile: la procura si è opposta, come riporta stamattina il quotidiano La Sicilia, e il futuro è quanto mai incerto. Certo, i sindacati qualcosa riescono a racimolarla, ma del domani non c'è certezza. «I vertici di Meridi avevano diposto la chiusura di 40 punti vendita in tutta la Sicilia - racconta Rosario Vizzini di Usi (Unione sindacale italiana) a MeridioNews - Ieri mattina alcuni lavoratori si sono opposti a queste possibili chiusure e, dopo una trattativa serrata, si è deciso che i supermercati non chiuderanno. Ma non saranno più forniti di merce».

Un cane che si morde la coda. Un supermercato a esaurimento scorte, a cui si somma la questione degli stipendi arretrati degli ultimi due anni, rimborsi sui 730 e versamenti sul Tfr accumulati in cinque anni e che dovrebbero spettare ai lavoratori. Per venire a capo della questione, Meridi il mese scorso aveva depositato in tribunale un piano di ristrutturazione del debito. Nella trattativa era previsto l’accordo con Apulia, marchio pugliese, altro colosso della grande distribuzione. Apulia era interessato alla locazione di più 60 punti vendita su circa 80 attualmente attivi. Pulvirenti, sempre secondo accordi, si sarebbe occupato di reperire altri acquirenti per i restanti negozi. Un patto commerciale che doveva essere siglato ma che è saltato alla luce della richiesta di amministrazione controllata da parte del tribunale. La questione si presenta come una vera bomba sociale, tanto che il ministero dello Sviluppo economico avrebbe preso in carico carico la vicenda.

«Sabato mattina Pulvirenti ha rinunciato al concordato preventivo – continua Vizzini -. I fornitori che vantano numerosi crediti nei confronti dell’azienda spingono per il fallimento». Non rimane che attendere le decisioni del tribunale. «Sarà un Natale duro per 493 lavoratori che rischiano di perdere il posto – conclude -. Anche se i supermercati non saranno riforniti, i dipendenti continueranno ad andare a lavoro per evitare il licenziamento collettivo e perdere il posto di lavoro e gli stipendi, nell’attesa che venga nominato un amministratore. Se i punti vendita venissero messi in discussione, siamo pronti a barricarci dentro».

La palla è comunque tutta al tribunale. La trattativa con Apulia non è chiaro se sia naufragata oppure no. «Resta in piedi», assicura Monja Caiolo, segretaria di Filcams. «Ma la richiesta di Pulvirenti di fare ricorso a un amministratore indica che le condizioni societarie sono ulteriormente peggiorate». L’accordo con i pugliesi prevedeva che Meridi pagasse gli arretrati in 24 mesi: arco di tempo troppo lungo secondo i sindacati. In più «Apulia non ha accettato le deroghe sui permessi retribuiti e sugli scatti di anzianità – fa notare la sindacalista -. E questo non lo possiamo permettere, quindi scriveremo all’azienda per farci spiegare i motivi di queste scelte: allungare i tempi significherebbe chiudere le attività». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews