Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Crisi Meridi, chiudono i primi supermercati Fortè
Sindacati in agitazione. «L'azienda non risponde»

Dopo l’opposizione della procura sull’amministrazione straordinaria richiesta da Nino Pulvirenti, in queste ore diversi punti vendita hanno chiuso battenti: alcuni per sfratto, altri per inventario. «Dobbiamo scongiurare le chiusure», dichiara Monja Caiolo di Cgil

Carmelo Lombardo

Chiusi per sfratto i punti vendita di Gela e San Pietro Clarenza (provincia di Catania). Sono queste le prime vittime della crisi di Meridi, la società del patron del Calcio Catania Antonino Pulvirenti, proprietaria anche dei supermercati a marchio Fortè. La caduta dell'azienda continua in uno scenario che sembra non avere nessun risvolto positivo. In alcuni supermercati, inoltre, i dipendenti sono stati messi in ferie per inventario: si tratta dei punti vendita di Catania (via Guglielmino e via Renato Imbriani), Misterbianco, Paternò, Mascalucia e Giarre.

Calano le saracinesche ma i riflettori rimangono ancora puntati sulla società. Sono proprio i supermercati i primi destinati a essere sacrificati sull’altare di una crisi che potrebbe lasciare senza posto di lavoro più di quattrocento persone in tutta la Sicilia. A pesare sul destino dei negozi sono le spettanze richieste da alcuni dipendenti - oltre ai rimborsi e versamenti del Trf -, a cui si aggiungono quelle dei fornitori e dei locatori. Secondo i sindacati che stanno seguendo la vicenda, infatti, sarebbero 40 i punti vendita a rischio chiusura immediata in tutta la Sicilia, su un totale un'ottantina di insegne Fortè nell'Isola. Già da ieri, alcuni dipendenti si erano barricati dentro ai supermercati per impedirne la chiusura.

«Negli ultimi tre giorni i lavoratori di alcuni supermercati sono stati messi in ferie forzate per inventario nelle attività – afferma la segretaria di Filmcams Cgil Monja Caiolo a MeridioNews -. Questo è probabilmente sintomo di una chiusura irreversibile di queste attività». Nell’attesa di ricevere risposte, i sindacati confederali - Filmcams Cgil, Uiltucs e Fisacat Cisl - hanno proclamato lo stato di agitazione attraverso una lettera inviata ieri a Meridi. «Non abbiamo ricevuto ancora nessuna risposta – prosegue -. Vogliamo chiarezza da parte della società, perché in ballo c’è il futuro di centinaia persone».

Altro appuntamento importante è la prossima udienza - che ancora non è stata fissata - in cui potrebbe essere più chiaro il futuro dell’azienda. Davanti al tribunale fallimentare di Catania, nei giorni scorsi, la società ha chiesto di essere messa in amministrazione controllata. Di fatto, mettendo in cantina l'opzione del concordato preventivo. La procura etnea si è opposta e bisogna attendere la decisione dei giudici.

Rimangono le incertezze dei dipendenti e i supermercati semivuoti fino ad esaurimento, abbandonati dai fornitori. Sullo sfondo resta il marchio pugliese Apulial’altro colosso della grande distribuzione che si era fatto avanti per prendere in locazione più di sessanta punti vendita e rifornirli di merce. La società non si esprime, ma la trattativa non è ancora tramontata

«Apulia è interessata – conclude Caiolo – Tuttavia una progressiva chiusura dei punti vendita rappresenterebbe un rischio per un acquirente e potrebbe fare diventare la possibile acquisizione poco appetibile, facendo venire meno la possibilità di salvaguardare i posti di lavoro. Per questo motivo non possiamo permettere la chiusura dei supermercati». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews