Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, Follieri ancora interessato al club
«Nino Pulvirenti non ha alcun titolo per trattare»

L'imprenditore di San Giovanni Rotondo conferma l'interesse per la società rossazzurra. Dopo la tre giorni in città il suo nome però sembrava essersi allontanato dal club. Intanto domani la grande manifestazione dei tifosi etnei

Gabriele Patti

Non si placano le polemiche intorno alla vicenda che riguarda la cessione del Calcio Catania. Tra pretendenti e molti punti interrogativi ad aggiungere benzina sul fuoco in queste ore è la Follieri Capital, la società con base in Inghilterra che risponde all'imprenditore pugliese Raffafello Follieri. Nel mirino il patron degli etnei Nino Pulvirenti e la trattativa che starebbe portando avanti con alcuni imprenditori. «Pulvirenti non risulta avere alcun titolo per trattare la cessione della società», si legge. Intanto domani i tifosi scenderanno in strada

Follieri al momento è l'unico imprenditore a essersi esposto direttamente per acquistare la società di via Magenta, anche perché nel capoluogo etneo ha trascorso tre giorni. «Vogliamo effettuare importanti investimenti per rinforzare la rosa – si legge nel comunicato – ma smentiamo di avere mai avviato una trattativa». In realtà la questione è più ingarbugliata e si basa su due scenari: da un lato l'interesse di Follieri e, dall'altro, quello di una cordata italoamericana o di investitori locali. Tra Follieri e Pulvirenti non c’è mai stato il summit sperato ma una lunga e complessa manovra di avvicinamento passata da una chiacchierata con un emissario dell’ex presidente e attuale patron del club che milita in Lega Pro. 

Sembrerebbe essere questo l’obiettivo dell’imprenditore originario di San Giovanni Rotondo che - come riportato da MeridioNews nei giorni scorsi -, anche grazie alla collaborazione del suo braccio destro Riccardo Fabbro e dell’ex presidente della Pubbliservizi Silvio Ontario, vorrebbe fare entrare nell'operazione una cordata di investitori locali i cui nomi, almeno per il momento, sono coperti dal più stretto riserbo.

Ma nella Follieri Group si insinua il sospetto che «non si voglia permettere la trattativa per oscure finalità che non si riescono a comprendere». In ogni caso Follieri non sembra volere demordere e lancia un messaggio ai tifosi rossoazzurri. «Nelle nostre intenzioni – sottolinea l’imprenditore – c’è quella di effettuare importanti investimenti al fine di rafforzare la rosa e ottenere l’immediata promozione nella serie B». Altro capitolo riguarderebbe – come riportato nei giorni scorsi da calciomercato.com - il possibile interessamento dell’imprenditore Antonio Percassipresidente della holding Odissea srl di cui fa parte anche l’Atalanta Calcio.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×