Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lungomare, domani consegna dei due defibrillatori
I locali in cui verranno collocate le apparecchiature

La Tavernetta e il Caffè Europa saranno le due attività commerciali al cui interno verranno installati i defibrillatori donati alla città dalla Fidal. L'assessore allo Sport Sergio Parisi: «Iniziativa nata per sensibilizzare sportivi e non»

Giorgio Tosto

Foto di: roberto viglianisi

Foto di: roberto viglianisi

«L'impegno è stato mantenuto». Le parole del segretario generale della Fidal, il catanese Fabio Pagliara, evidenziano come l'idea nata lo scorso maggio dopo la tragica morte di Carlo Maravigna sia stata finalmente portata a compimento. Domani il percorso podistico Runcard verrà dotato in via ufficiale di due defibrillatori, posti all'altezza di piazza Nettuno e piazza Europa. Le apparecchiature elettroniche, donate dalla Federazione di atletica leggera, non verranno però installate lungo la corsia running, ma all'interno di due attività commerciali facilmente raggiungibili e aperte tutto il giorno. Si tratta dei bar La Tavernetta e Caffè Europa. Una scelta che Sergio Parisi, assessore allo sport del Comune di Catania, spiega con la necessità di evitare furti più o meno immediati.

«Desidero ringraziare il segretario Pagliara per l'attenzione dedicata alla nostra città. Entrambi i titolari delle attività commerciali sono felici di collaborare. Il fatto che i due bar siano sempre aperti, poi - puntualizza Parisi a MeridioNews - permetterà una piena fruibilità dei defibrillatori dal mattino sino a mezzanotte. A livello logistico - puntualizza l'assessore - abbiamo fatto in modo di scegliere le zone del percorso running più frequentate. Questa iniziativa è legata al fatto di sensibilizzare podisti e cittadini alla prevenzione, col ricorso alla visita medico-sportiva anche in caso di attività non agonistica. L'ideale, poi, sarebbe che un elevato numero di persone seguano corsi di formazione per essere in grado di utilizzare al meglio questi apparecchi salva vita».

Avere dotato il lungomare catanese dei defibrillatori rappresenta senza dubbio un passo avanti importante, anche se l'elenco di migliorie da apportare al percorso running resta significativo. Lungo i due chilometri che vanno da piazza Europa a piazza Mancini Battaglia, infatti, continuano a persistere i problemi legati a una segnaletica verticale sempre più danneggiata: le linee di demarcazione della pista, poi, sono ormai sbiadite e, in alcuni punti, quasi assenti. A questi elementi vanno aggiunti veri e propri atti di inciviltà riguardanti l'utilizzo improprio di uno spazio destinato in via preferenziale alla corsa: non mancano gli episodi, segnalati decine di volte da MeridioNews, di motorini e auto elettriche sorpresi all'interno della pista.

«La segnaletica orizzontale e verticale - puntualizza Parisi - era stata fatta su iniziativa della federazione. Nel corso del nuovo anno il tema sarà affrontato con Pagliara. Aggiungo che un progetto di riqualificazione globale dovrebbe riguardare tutto il lungomare: uno dei luoghi più frequentati dai catanesi». In merito alla manutenzione del percorso, Fabio Pagliara, tende la mano. «Si tratta di temi che non sono federali - ammette il dirigente - ma riguardanti l'amministrazione comunale. Nel caso in cui fossimo chiamati in causa, però, non ci tireremmo certo indietro. Noi, in ogni caso, ci siamo». La palla adesso passa a Palazzo degli elefanti insomma. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews