Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ars, arriva il primo disegno di legge M5s
Zito: «Basta ai rimborsi falsi in Sicilia»

Il MoVimento 5 stelle ha depositato il suo primo disegno di legge, una proposta contro i rimborsi falsi nelle assemblee di comuni e province siciliane. Una iniziativa nata a seguito di un dossier di aprile dei grillini di Siracusa, confermato dall'emissione di sei avvisi di garanzia per altrettanti consiglieri comunali aretusei. Ma oltre alla riduzione degli indennizzi per legge, i deputati stellati auspicano più controlli. «Chiederemo l'accesso agli atti a tutti i comuni, abbiamo già iniziato con i capoluoghi di provincia», spiega il deputato Stefano Zito

Redazione

«Basta ai rimborsi col trucco». Arriva il primo disegno di legge del MoVimento cinque stelle all'Assemblea regionale siciliana. Si tratta di una proposta di modifica alla legge regionale n. 30 del 2000, quella che consente ai datori di lavoro dei consiglieri comunali e provinciali di ricevere un indennizzo quando questi si assentano per motivi istituzionali. Indennizzo che, come previsto nel nuovo Ddl, dovrebbe essere notevolmente ridotto. «Solo a Siracusa il meccanismo dei rimborsi alleggerisce le casse del Comune di circa 650mila euro l’anno. Il MoVimento 5 stelle locale ci ha visto qualcosa di marcio, e sono partiti avvisi di garanzia per sei consiglieri», spiega una nota dell'ufficio stampa del neonato gruppo politico all'Ars. Perché la proposta nasce da quanto già fatto dai movimentisti aretusei che hanno creato un dossier sui rimborsi a palazzo Vermexio ad aprile di quest'anno.

Come commenta il deputato regionale siracusano Stefano Zito «è quantomeno strano che un’azienda punti su persone che presumibilmente potrà utilizzare in rare occasioni, perché fagocitate dagli impegni istituzionali. Ancor più strano, come avvenuto in tantissime occasioni a Siracusa, è che i freschi consiglieri comunali assunti dalle aziende siano spesso inquadrati con livelli molto alti e con conseguenti rimborsi spettanti veramente cospicui». Zito, sospettando che la situazione non sia molto diversa altrove, insieme agli altri 14 consiglieri regionali stellati ha chiesto l’accesso agli atti dei comuni e delle province regionali. «Per il momento - dice Zito - abbiamo cominciato a chiedere la documentazione nei nove capoluoghi di provincia, ma presto l’operazione verrà estesa a tappeto alle amministrazioni di tutta l’isola».

Le principali modifiche apportate alla legge regionale 30 del 2000 prevedono l’abbattimento della somma rimborsabile che passerebbe dagli attuali due terzi della retribuzione del sindaco a un quarto. L’istituzione di controlli costanti, l’elargizione del rimborsi solo alle ditte in regola che abbiano prodotto il certificato di regolarità contributiva (Durc) ed iscritte ala camera di commercio. Ed ancora, l’erogazione dei rimborsi solo a consiglieri che non abbiano ricoperto il ruolo di titolare o amministratore unico nell'azienda da cui sono stati presi in carico nei cinque anni precedenti all'assunzione o a coloro che non abbiano fatto improvvise ed immotivate progressioni in carriera.

Adesso, per la proposta di legge grillina, comincerà la trafila istituzionale, passando per le varie commissioni, prima fra tutte quella Affari istituzionali. Se la proposta avrà il voto della maggioranza dei consiglieri nelle commissioni arriverà al voto in aula.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×