Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Licenziati Spaccio alimentare, sit-in in prefettura
In vista un vertice con l'azienda e il Centro Sicilia

Il punto vendita del centro commerciale di Misterbianco ha chiuso i battenti sei mesi fa, senza che i lavoratori venissero ricollocati nelle strutture del gruppo Arena (Decò) che invece avevano assorbito altri impiegati. La protesta ora si è spostata in via Etnea

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

«L’Italia è una Repubblica democratica fondata sulla mancanza di lavoro». Il personale di Spaccio alimentare, la catena di supermercati e ipermercati, è sceso in strada oggi per manifestare in favore della salvaguardia dei propri diritti. In via Etnea, a pochi metri dall’ingresso della prefettura, sono circa una trentina. Tutti intenti a sventolare la bandiera dell’Ugl, il sindacato che da più di sei mesi – da quando il punto vendita del Centro Sicilia, il polo commerciale in territorio di Misterbianco, ha chiuso definitivamente i battenti – ha avviato la vertenza nei confronti della Distribuzione Cambria di Pace del Mela, la società che gestisce i supermercati della catena. E la cui dichiarazione di fallimento ha coinvolto, tra Sicilia e Calabria, più di 300 lavoratori.

Il sit-in di protesta, però, si è concluso con un mezzo risultato. Il tavolo di concertazione, potenzialmente previsto per oggi, slitta al 10 gennaio. Giorno in cui il prefetto ha convocato le parti in causa (il sindacato, la Distribuzione Cambria e i vertici del centro commerciale di contrada Tenutella), per trovare una soluzione alternativa che non si limiti all’applicazione dell’ammortizzatore sociale. La cassa integrazione, di cui i lavoratori stanno già beneficiando, scadrà il prossimo 20 gennaio.

Per questo la Cambria srl  ha già provveduto a richiedere il rinnovo della Cigs (Cassa integrazione straordinaria) al ministero dello Sviluppo economico. Ma per le sigle sindacali non basta. «Inutile sperare nella concessione della proroga dell’ammortizzatore sociale – spiega il vicesegretario del settore terziario dell’Ugl Vito Tringali -, questa è un aiuto ma non risolve il problema». La richiesta dei sindacati si spinge oltre. «Chiediamo un ricollocamento», propone convinto Tringali. 

A costringere le sigle a ricorrere alla prefettura è l’assenza dell’azienda ai tavoli sindacali. «Non abbiamo mai avuto chiarezza da parte dei privati – sottolinea piccato il vicesegretario Ugl - perché non si sono mai presentati ai tavoli di concertazione». Se è vero che 280 lavoratori sono stati già ricollocati a seguito della trattativa con il gruppo Arena (Decò), allo stesso modo ci sono ancora 80 dipendenti rimasti fuori. 

Tra questi, oltre ai lavoratori del Centro Sicilia, anche quelli del polo commerciale Le Vele di Acireale. «Quello che ci preoccupa – prosegue - è che l’ammortizzatore scadrà e il personale dei punti vendita siciliani e calabresi rischia di rimanere a casa per sempre». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews