Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

M5s, impossibile rinunciare agli stipendi Ars
Cancelleri: «Restituiremo gli eccessi»

Almeno per il primo mese, la busta paga dei 15 deputati del M5s all'assemblea regionale siciliana peserà come quella di tutti gli altri: anche più di diecimila euro netti per chi ha incarichi di responsabilità. Colpa di un cavillo burocratico. «L’incertezza sulle modalità di restituzione delle somme non è certamente imputabile a noi - spiega il capogruppo Giancarlo Cancelleri - Appena potremo, storneremo le eccedenze alla Regione con bonifico bancario». Indispensabile, invece, accedere ai finanziamenti per i gruppi consiliari

Redazione

«Il Movimento 5 stelle non rinuncia agli stipendi». Da qualche giorno i titoli di alcuni quotidiani si rincorrono sulla notizia. A chi Beppe Grillo e il M5s non stanno poi così simpatici non è sembrato vero poter approfittare subito di un passo falso. E infatti non lo è, sostiene il capogruppo del Movimento all'assemblea regionale siciliana Giancarlo Cancelleri. «Tre cose nella vita sono sicure: la morte, il bunga bunga e il fatto che sugli stipendi non faremo mai marcia indietro», dice. Non più di 2.500 euro per deputato - 15 in tutto in Sicilia - è il tetto fissato in campagna elettorale. Ma, per un cavillo burocratico, sembra non essere possibile e così, almeno per il primo mese, le buste paga degli onorevoli a 5 stelle peseranno come tutti gli altri: anche più di diecimila euro netti per chi ha incarichi di responsabilità.

«E' vero che nei nostri conti personali arriveranno somme superiori a quelle che noi abbiamo annunciato, ma lì resteranno per pochissimo», conferma Cancelleri. Onorare la promessa elettorale è fuori discussione per i deputati M5s, il problema sta nel come farlo. «L’incertezza ancora esistente sulle modalità di restituzione delle somme non è certamente imputabile a noi - spiega il capogruppo, ex candidato alla presidenza della Regione Sicilia - Appena ne avremo la disponibilità, e ancora non l’abbiamo, storneremo le eccedenze nel contro corrente dell’Ars a mezzo bonifico bancario». Gli stipendi, interi, continueranno quindi ad arrivare ai 15 onorevoli, ma la parte in eccesso andrà devoluta forse a un fondo vincolato regionale. Che servirà per finanziare diverse attività produttive.

Ad essere restituite saranno anche le indennità aggiuntive per le presidenze e vicepresidenze, assicurano dal M5s. Un discorso diverso viene fatto invece per i finanziamenti ai gruppi consiliari regionali, «a cui accederemo, altrimenti come si lavora?», fa sapere Marco Benanti, addetto stampa del Movimento siciliano. «Il gruppo di lavoro è fondamentale - spiega - Basti pensare agli esperti nello scrivere i disegni di legge». Per accedere a questi contributi, però, il M5s dovrà assumere nello staff alcuni impiegati della Regione, già stabilizzati. «La normativa ti obbliga a farlo, altrimenti il finanziamento viene dimezzato o annullato - continua Benanti - Si tratta di persone già interne alla Regione ma che vengono retribuite dai partiti tramite questi fondi». A quanto ammonterà questo tesoretto è ancora da vedere. «Bisogna capire se questa legislatura, in tempi di spending review, vorrà accogliere la volontà del presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone di ridurre in modo sostanziale tutti i tipi di finanziamenti».

[Foto di sicilia5stelle.it]

 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×