Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Emergenza vento, auto investita dai detriti. Famiglia salva
Decine gli interventi dei pompieri, numerosi alberi caduti

Notte di super lavoro per i vigili del fuoco. I danni maggiori a Paternò, con una sbarra di ferro che si è conficcata nel vano motore di una macchina. Diversi cavi e pali della luce collassati. Chiuse alcune strade e interdetti i parchi

In tutta la provincia di Catania il vento non ha fatto sconti. Danni in diversi Comuni e numerosi voli dirottati all'aeroporto FontanarossaUna tromba d’aria si è abbattuta su Paternò e nel suo hinterland. Ingenti i danni a strutture pubbliche e private con gli operatori del 115 che hanno lavorato ininterrottamente per ore. Alle 22.30 di ieri il Comune ha attivato il centro operativo per fronteggiare l'emergenza.

Sono in corso accertamenti in diversi punti della città. Nella mattinata il primo cittadino Nino Naso ha firmato l’ordinanza di chiusura per oggi e domani dei due cimiteri e dei parchi Moncada (diversi gli alberi abbattuti) e Sole. Ieri sera i momenti di maggiore pericolo. La macchina di una famiglia che transitava lungo via Arena è stata centrata da un intero lucernario con elementi in ferro. Il mezzo è andato totalmente distrutto e le sbarre di ferro sono finite conficcate dentro il vano motore. Illesi ma spaventati gli occupanti del mezzo. Sul posto sono intervenuti i pompieri di Paternò e l’autoscala arrivata da Catania.

Ancora intervento dei pompieri di Maletto in via Feltre, dove è atterrato un altro lucernario staccatosi da un abitazione di via De Luca Giulia, volato per circa 30 metri e con le lamiere che hanno danneggiato le auto in sosta e staccato una ringhiera di un balcone. Pompieri di Adrano in via San Gaetano dove decine di tegole sono cadute sulle auto in sosta. Allo stato attuale via Teatro è interdetta al traffico. Mattoni in via Messina si sono staccati cadendo sul parabrezza di diverse auto; muro crollato in via Mediterraneo e alberi e rami spezzati sulle strade provinciali 77,15, 24 e 229/I ma anche in piazza della Repubblica, largo Assisi, piazza Caduti di Nassyria. Inoltre buona parte della città è rimasta senza luce elettrica per i pali abbattuti e i cavi tranciati dalla caduta di rami e alberi.

 Danni si registrano anche ad Adrano in via Aurelio Spampinato con diverse grondaie staccate oppure nel rione Roccazzello con alberi abbattuti e finiti sulle sede stradali. Problemi anche sulla strada statale 284 nei pressi del bivio per Bronte con rami lungo la strada.

Danni anche nell'Acese. A contare maggiori danni è stata Aci Sant’Antonio. Un grosso albero è caduto in via Tavolone, strada che collega Aci Sant’Antonio con Aci Catena. Il tratto è stato interdetto fino alle prime ore di questa mattina. Domani la strada potrebbe essere chiusa nuovamente per operazioni di sgombero e pulizia di rami. Sempre ad Aci Sant’Antonio sono caduti degli alberi in via Vittorio Emanuele bassa, via Veronica, in via Santo Spirito e Circonvallazione. Ceduti diversi pali della luce nella frazione di Santa Maria la Stella, qualcuno di questi ha causato danni a due automobili. Danni anche allo stadio Polivalente, dove è saltata la recinzione, e alla guaina della biblioteca comunale. Sono stati chiusi in via precauzionale la villa comunale – anche qui si sono registrati danni a degli alberi – e il cimitero. È prevista per questo pomeriggio un’ulteriore ricognizione.

Meno gravi i danni ad Acireale e ad Aci Catena. Nella città dei cento campanili è stato messo in sicurezza il cantiere di corso Italia alto. Un albero ha ceduto in via Torquato Tasso, mentre in via Lazzaretto il vento ha piegato un cartellone pubblicitario. Ad Aci Catena le forti folate di vento hanno danneggiato le luminarie posizionate in via Matrice in occasione degli imminenti festeggiamenti della Madonna della Catena: la ditta è stata costretta a rimuoverle. In via Europa dei rami si sono staccati e caduti in strada, mentre nella frazione di San Nicolò un palo della luce è finito in strada, ma al momento sempre non esserci stato alcun pericolo. Sempre a San Nicolò si sono scoperchiate le tegole di un tetto di un’abitazione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews