Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Collegio di difesa, ora Salvo Pogliese ci riprova
Avviso pubblico, ma sceglie sempre il sindaco

A febbraio 2019 la nomina di quattro consulenti legali esterni aveva fatto saltare dalla sedia molti. Soprattutto perché non c'era stata una selezione aperta a chiunque volesse partecipare. Adesso il metodo cambia, ma la sostanza resta

Luisa Santangelo

Lui ci ritenta, con la speranza probabilmente di essere più fortunato dell'altra volta. Il sindaco di Catania Salvo Pogliese non rinuncia all'idea che Palazzo degli elefanti possa avere un Collegio di difesa. Cioè un gruppo di avvocati che si consulti con l'amministrazione nel caso di procedimenti giudiziari di vario genere. Cinque professionisti, scelti tra docenti universitari o legali «riconosciuti di chiara fama», che saranno selezionati tra quelli che invieranno il proprio curriculum nelle prossime due settimane. La decisione, poi, la prenderà il sindaco. Niente graduatoria, dunque, ma solo un elenco dal quale attingere. Il costo, per le casse comunali, è di quasi 61mila euro. Una cifra simile a quella che, poco meno di un anno fa, aveva fatto saltare sulla sedia in molti.

A febbraio 2019, all'indomani del provvedimento di nomina di quattro avvocati (Felice Giuffrè, Emilio Salvatore Castorina, Davide Giugno e Giuseppe Antonio Sileci), a puntare il dito contro l'amministrazione e la spesa extra in tempi di dissesto era stato il movimento politico extraconsiliare Catania bene comune. Ci avevano pensato loro a raccontare alla città quella scelta «fiduciaria» e «senza avviso pubblico» operata dal primo cittadino. Il tema era stato raccolto e portato in Consiglio comunale dal Movimento 5 stelle, che aveva presentato ad aprile una mozione per l'abolizione del Collegio di difesa e a giugno un'interrogazione per chiedere numi sui criteri della scelta.

Di lì a poco, il dietrofront di Pogliese: Collegio revocato per l'assenza del bilancio stabilmente riequilibrato. Dopo che già l'avvocato Davide Giugno si era tirato indietro per sopraggiunti impegni personali. Ora che di acqua sotto i ponti ne è passata, e che il documento di programmazione economico-finanziaria del municipio dissestato è stato approvato, spunta l'avviso per la «selezione pubblica per soli titoli». Se nel 2019 erano quattro, nel 2020 c'è un avvocato esterno in più. «L’avviso - si legge nel documento - non vincola in alcun modo l’amministrazione comunale che, a suo insindacabile giudizio, può anche decidere di non procedere alla nomina dei componenti nel caso in cui non vi siano candidati idonei nel numero richiesto».

Cambia la formula, ma non la sostanza. Perché l'avviso pubblico prevede, comunque, che «la scelta, previa valutazione del prospetto comparativo, sarà effettuata dal sindaco». Per difendersi dalle accuse di avere effettuato una scelta non opportuna, in un momento di difficoltà economiche della città, Palazzo degli elefanti a febbraio 2019 aveva sostenuto: «Il Collegio esprime parere obbligatorio, ai termini del regolamento approvato dal Consiglio comunale nel 2009, sui bandi e sui capitolati delle gare d'appalto di lavori, forniture e servizi, gestione dei servizi pubblici locali e le transazioni giudiziali di valore superiore ai centomila euro». Adempimenti che in questi mesi sono stati comunque portati avanti dall'amministrazione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×