Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Elezioni San Giovanni La Punta: saltano equilibri
Toscano si prende Fratelli d'Italia, Bellia cerca FI

Sarebbero almeno cinque i potenziali candidati sindaco, tutti volti noti della politica puntese. Il centrodestra si divide fra i meloniani e la possibile corsa solitaria della Lega, mentre l'uscente proverebbe a unire azzurri e renziani. Anche i grillini in campo

Luisa Santangelo

L'unica certezza è che di volti nuovi, all'orizzonte, proprio non se ne vedono. Tra partiti con le porte girevoli e rese dei conti incrociate, la sfida delle Amministrative a San Giovanni La Punta appare di gran lunga la più interessante della prossima tornata elettorale nel Catanese. Non si tratterà di un test per le coalizioni, visto il solito sfumare delle appartenenze nel richiamo al civismo, e neppure una prova affidabile per le singole forze politiche. Se si eccettua Fratelli d'Italia, il contenitore che, al momento, è protagonista delle dinamiche che porteranno alla riconferma dell'uscente Nino Bellia oppure a un nuovo sindaco. 

Sarebbero almeno due i potenziali candidati che potrebbero correre con il partito di Giorgia Meloni. Da tempo si vocifera del nuovo ritorno in campo dell'ex sindaco Santo Trovato, veterano dal cuore dc battuto al ballottaggio da Bellia nel 2015, da mesi dato in avvicinamento ai sovranisti. E invece, accolto dal comunicato stampa di un soddisfatto assessore regionale Manlio Messina sulla loro adesione, a mettere una seria ipoteca sul simbolo meloniano è stato il duo Giuseppe Toscano-Mario Brancato. Entrambi con un noto passato autonomista - il primo candidato alle Regionali del 2017, il secondo già difensore dell'ex governatore Raffaele Lombardopiù volte candidato in varie elezioni in quota Mpa - e oggi legati da un patto politico che dovrebbe portare alla candidatura a sindaco di Toscano. I galli nel pollaio meloniano non mancano, a spese di chi in Fdi c'era da tempo coltivando ambizioni, come l'ex presidente del consiglio Laura Iraci e il consigliere Giovanni Bottino, che potrebbero anche prendere altre strade. 

Verrebbe così da un mondo «di centrodestra» la sfida al sindaco uscente Bellia che, eletto col vecchio centrosinistra del Pd alleato con Udc e moderati vari, oggi potrebbe correre sostenuto da Forza Italia, da schegge centriste, fino ad arrivare agli uomini dell'ex Pd Luca Sammartino e dell'ex Mpa Nicola D'Agostino, i deputati Ars che oggi guidano in Sicilia l'Italia Viva di Matteo Renzi. I forzisti, in realtà, non hanno ancora sciolto la riserva. Ma a garantire almeno 4-5 liste civiche c'è soprattutto l'ex sindaco Andrea Messina, campione del consenso in paese e uomo capace di mettere assieme, in passato, Pdl, Pd e lombardiani. Alle ultime Regionali si era candidato con il centrosinistra, nella lista di Sicilia futura, dopo essere stato anche consulente del primo cittadino Bellia che gli era succeduto. E, naturalmente, guadagnandosi il titolo di «sindaco ombra».

Nessun nome nuovo anche dalle parti dei possibili outsider. Il Movimento 5 stelle candiderà quasi certamente l'uscente consigliera Giusy Rannone, già in corsa come sindaco nel 2015. Più complicato il quadro in casa Lega. Nel 2015 Lorenzo Seminerio venne benedetto dalla visita del leader Matteo Salvini. Oggi vorrebbe riprovarci, ma lo scenario contemplerebbe una nuova corsa in solitaria, senza alleati come ai tempi della lista Noi con Salvini. A meno non si concretizzi un'alleanza con Fratelli d'Italia nel segno dell'opposizione all'amministrazione Bellia. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews