Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sequestrati 30mila litri di gasolio agricolo, 4 arresti
Un imprenditore l'avrebbe usato per trasporto merci

I finanzieri etnei hanno colto in flagranza di reato quattro persone. In un'autorimessa della zona industriale di Catania, con un sistema artigianale, erano intente a travasare il carburante destinato al titolare di una ditta di trasporti acese. Guarda le foto

Redazione

Oltre 30mila litri di gasolio agricolo sequestrato. Di questi più di 20mila litri di provenienza illecita era stato travasato su un autoarticolato frigorifero dentro 21 serbatoi cubici da mille litri ciascuno e destinato ai distributori stradali catanesi. I finanzieri del comando provinciale di Catania hanno arrestato in flagranza di reato quattro persone per sottrazione al pagamento dell'accisa e contrabbando di prodotti energetici. 

Il gasolio, originariamente destinato per l’impiego in agricoltura e quindi assoggettato a un’imposta inferiore, era in realtà pronto per essere impiegato per autocarri destinati al trasporto merci da parte di un imprenditore acese titolare di una ditta di trasporti con mezzi pesanti. In questo modo, l'imprenditore si sarebbe garantito un illecito risparmio sull'acquisto del carburante

I quattro arrestati sono stati sorpresi all'interno di un'autorimessa isolata situata nella zona industriale di Catania. Sul posto è stata individuata anche una ulteriore autocisterna contenente 7.500 litri di gasolio autotrazione ritenuto di provenienza illecita. Il proprietario, infatti, non è stato in grado di esibire la documentazione che potesse attestarne la provenienza e la detenzione. Anche questo è stato sequestrato e il responsabile è stato denunciato a piede libero per sottrazione al pagamento dell'accisa e irregolarità nella circolazione di prodotti energetici.

L’area utilizzata per l’illecito travaso del carburante, un’autorimessa adibita a parcheggio di mezzi pesanti, sarebbe risultata inoltre priva di sistemi e dotazioni antincendio e non a norma con le prescrizioni di legge relative alla sicurezza dei luoghi di lavoro. Durante il controllo, i finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria e della compagnia pronto impiego hanno rilevato che i quattro responsabili (tutti della provincia di Catania) avevano quasi ultimato il trasbordo di quattro delle 21 bonze, posizionate in una gabbia ferrata, attraverso una pompa di aspirazione a doppia mandata che collegava le autocisterne all'autoarticolato. L’artigianale sistema di collegamento era alimentato dal motore delle stesse autocisterne ed era collegato a un apparato conta-litri. 

I cinque soggetti (F.G., classe 1965; A.V.S., classe 1959; A.G., classe 1987; V.M., classe 1965; F.S., classe 1959) sono stati denunciati alla procura della Repubblica di Catania per il reato di contrabbando di prodotti energetici e rischiano la reclusione anche fino a cinque anni oltre a una multa di importo pari a dieci volte il valore dell’imposta evasa. I sequestri sono stati convalidati dall'autorità giudiziaria etnea.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×