Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Blitz in Calabria, revocato divieto di dimora per Capizzi
Imprenditore di Maletto coinvolto nel traffico di influenze

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Catanzaro ha ritenuto sproporzionate le esigenze cautelari per l'impresario edile. Il provvedimento era stato adottato nell'ambito della maxi inchiesta Rinascita della direzione distrettuale antimafia catanzarese

Redazione

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Catanzaro ha revocato la misura del divieto di dimora in Calabria imposta all'imprenditore edile Giuseppe Capizzi di Maletto. Per l'indagato, difeso dall'avvocato Vincenzo Mellia, sono state infatti ritenute sproporzionate le esigenze cautelari. Il provvedimento era stato adottato nell'ambito della maxi-inchiesta della direzione distrettuale antimafia di Catanzaro denominata Rinascita

Quattrocentosedici indagati, 330 arrestati e quattro obblighi di dimora per accuse che vanno dall'associazione mafiosa con la 'ndrangheta al traffico di influenze. Per quest'ultimo reato è finito nel mirino anche Capizzi, imprenditore edile nato a Bronte e residente a Maletto, che è indagato per un appalto nella zona di Vibo Valentia. Una gara bandita dal Comune per la messa in sicurezza di alcune frazioni vibonesi (dal valore di oltre sei milioni di euro) che non riuscì ad aggiudicarsi, posizionandosi solo al secondo posto. Capizzi fece ricorso al Tar di Catanzaro e, per accertarsi del buon esito della pratica, avrebbe cercato l'amico Pietro Giamborino, ex consigliere regionale calabrese, ritenuto «formalmente affiliato alla cosca locale di Piscopio». L'incontro tra i due è avvenuto a Messina nel marzo del 2018.

Dal contenuto della loro conversazione parte il presunto traffico di influenze di cui la direzione distrettuale antimafia catanzarese accusa anche Nicola Adamo, ex vicepresidente della Regione Calabria, deputato regionale per cinque legislature e marito della deputata nazionale del Partito democratico Enza Bruno Bossio; e Filippo Valia, nipote di Giamborino e accusato di avere fatto l'intermediario tra il parente e l'imprenditore etneo

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews