Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Uccise il padre e lo nascose nel mobile, nuova perizia
Consulente del giudice dirà se era capace di intendere

Il 37enne Alberto Adriano Italia sarà giudicato con il rito abbreviato. Durante l'ultima udienza è stata accolta la richiesta del suo legale di un'altra consulenza psichiatrica. Quelle della difesa e del pm erano giunte a risultati contrapposti

Marta Silvestre

Sarà giudicato con il rito abbreviato e sarà sottoposto a una nuova perizia psichiatrica Alberto Adriano Italia. Il 37enne è accusato di avere ucciso il padre Gaetano (di 80 anni) e di avere provato a disfarsi del corpo nascondendolo in un mobiletto di legno, poi abbandonato accanto ai cassonetti di fronte alla palazzina al civico 15 di via Sardegna, una parallela di corso Indipendenza, nella zona di San Leone a Catania. Durante il trasporto dall'abitazione del primo piano del corpo senza vita dell'anziano, avvolto in una coperta, il mobile chiuso con dei chiodi ai lati si sarebbe rotto lasciando intravedere il cadavere.

Durante l'udienza di qualche giorno fa, il giudice ha accolto la proposta di una nuova perizia psichiatrica fatta dall'avvocato Giuseppe Marletta, il legale del 37enne. Il perito verrà nominato durante la prossima udienza, fissata per il 17 gennaio. «Il giudice ha deciso di affidare un nuovo esame a un consulente tecnico d'ufficio - spiega a MeridioNews il legale - così da stabilire se il mio assistito, al momento dei fatti, fosse capace di intendere e di volere oppure no». Entrambi i periti di parte hanno già depositato le loro consulenze. Tra quella della difesa e quella del pubblico ministero, le conclusioni sono state differenti, contrapposte. «Per questo, il giudice ha ritenuto necessaria quest'altra prova».  

Il consulente del pm aveva concluso per l'indagato una piena capacità di intendere e di volere che sarebbe stata intatta anche nel momento in cui è avvenuto il delitto. Dalla perizia era emerso, infatti, che Italia avrebbe un «disturbo antisociale della personalità» che, però, non ha rilevanza penale. Già durante l'interrogatorio di garanzia, lo stesso indagato aveva dichiarato di soffrire di disturbi mentali e di essersi rivolto, in passato, al centro di sanità mentale di Catania. Chi lo conosce, nel quartiere, ne parla come di un uomo dalla «personalità violenta». Dopo essersi avvalso della facoltà di non rispondere, in questi mesi Italia non ha mai raccontato nulla di quanto accaduto e, davanti al gip, ha dichiarato di non ricordare nulla di quanto accaduto.

Ad accusarlo ci sarebbero state anche le dichiarazioni del fratello maggiore Carmelo Angelo. Testimone oculare dell'aggressione, adesso è parte civile nel processo. Nell'immediatezza dei fatti, alcuni abitanti delle palazzine di via Sardegna avevano testimoniato di avere visto entrambi i fratelli trasportare un mobiletto di legno giù dall'abitazione del primo piano. È stato lui, inoltre, a dichiarare di non essere intervenuto a difesa del padre perché impaurito dall'aggressività del fratello «non solo per sé ma soprattutto l'anziana madre (adesso deceduta, ndr) che, durante la lite - ha ricostruito a questa testata l'avvocato Daniele Cugno che lo assiste - ha portato in un'altra stanza dalla quale è uscito solo quando ha sentito che la discussione si era interrotta. Di certo non poteva immaginare l'epilogo».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews