Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Paternò scuola chiusa per i danni del vento
La copertura del tetto è saltata per le raffiche

Gli strascichi del maltempo di domenica continuano. I tecnici comunali hanno appurato che un'ala del plesso scolastico di via Libertà deve essere chiusa finché non sarà rimessa in sicurezza. Fino ad allora, per gli studenti saranno doppi turni

Salvatore Caruso

Il sindaco di Paternò Nino Naso ha disposto la chiusura di un'ala del plesso scolastico di via Libertà, quella occupata da alcune classi del secondo circolo didattico Giovanni XXIII, per una serie di danni provocati dalle intemperie di domenica sera e accertati dai tecnici del Comune. Nella tarda serata di domenica scorsa e per l'intera notte, in tutto il territorio catanese ha soffiato un vento violento che, in alcune zone, ha assunto i tratti della tromba d'aria. Due giorni fa, il personale tecnico del Comune ha effettuato un sopralluogo nella scuola, dal quale sono emersi danni rilevanti alla copertura dell'immobile. 

I tecnici hanno appurato che «in corrispondenza dei giunti di dilatazione della struttura - si legge nell'ordinanza sindacale - il manto di protezione e/o la coibentazione è nella quasi totalità rigonfio e divelto, a causa degli eventi meteorologici degli ultimi giorni». In molte zone del tetto la coibentazione d'asfalto è mancante e la pavimentazione è gonfia non solo per le raffiche di vento ma anche per le infiltrazioni d'acqua. Senza contare che «il sistema di cablaggio anti fulmine è stato piegato dal vento degli ultimi giorni, così come varie parti in lamierino del sistema di climatizzazione».

La relazione tecnica ha spinto il sindaco Naso a interdire tutte le classi, i servizi igienici e tutti i vani del plesso scolastico di via Libertà in cui si trovano le aule del secondo circolo didattico, a decorrere da lunedì 13 gennaio e fino alla ultimazione dei lavori utili al riutilizzo dei locali. «È difficile, per il momento, stabilire a quanto ammonta il valore economico dell’intervento. Potrebbe superare i centomila euro ma è solo una prima ipotesi. L’obiettivo è quello di garantire la massima sicurezza ai nostri bambini», ha detto l'assessore alle Manutenzioni Luigi Gulisano.

Con l'ordinanza di chiusura scattano i doppi turni per gli studenti delle classi elementari e materne della Giovanni XXIII. Le classi saranno spostate nel plesso centrale di via Vulcano. Le otto classi delle elementari entreranno, a partire da lunedì 13 gennaio, alle ore 14 per poi uscire da scuola alle 19.30. Le cinque classi della materna, invece, a rotazione faranno lezioni la mattina dalle 8.15 alle 13.15 e nel pomeriggio dalle 14 alle 19. L’interdizione del plesso di via Libertà non riguarda la parte dell’immobile dove trovano collocazione le aule dell’istituto comprensivo G. B. Nicolosi, i cui studenti, personale docente e non continueranno regolarmente la loro attività didattica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews