Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

V. Francavilla-Catania 0-0, punto per ricominciare
Gli etnei compatti ma troppe imprecisioni davanti

Il Catania inizia il suo 2020 agonistico con il pareggio a reti inviolate arpionato nella tana della Virtus Francavilla. Rossazzurri più pericolosi nel primo tempo con Di Molfetta e Barisic. Ripresa di puro contenimento con qualche brivido: Vazquez timbra la traversa 

Giorgio Tosto

Foto di: Eleven Sports

Foto di: Eleven Sports

Un Catania battagliero ma troppo impreciso e approssimativo in fase offensiva torna da Francavilla Fontana col secondo pareggio consecutivo in trasferta, dopo l'1-1 a Teramo di metà dicembre. Un risultato interpretabile sotto vari punti di vista. Se da una parte si allunga la striscia di risultati utili in trasferta e viene confermata la crescente solidità di una squadra che ormai evita le imbarcate della prima parte di stagione, dall'altra va evidenziata la mancanza di precisione sotto porta e l'intesa tutt'altro che perfetta tra i vari membri del reparto offensivo etneo. Lo 0-0 di oggi lascia gli etnei al settimo posto, in piena zona play-off.

Lucarelli conferma il 4-2-3-1 con Barisic, in odore di cessione, rilanciato in attacco sulla destra. Il reparto offensivo è completato da Di Molfetta e Biondi a supporto dell'unica punta Di Piazza. I ritmi sono subito gagliardi: al 9' Biondi stacca di testa, chiamando Poluzzi alla prima parata. Dall'altra parte il duo Perez-Vazquez mette in costante apprensione la retroguardia etnea: è Esposito ad anticipare di un soffio il secondo, con una gran diagonale che consente la presa a Furlan. Al minuto 11 l'estremo rossazzurro è nuovamente chiamato in causa da Zenuni: la sua punizione, bassa e angolata, viene sventata con un intervento salva-risultato proprio sulla linea di porta. A partire dal 15', però, è il Catania a tenere in mano il pallino del gioco, con la Virtus che invece prova a colpire di rimessa. 

E' il sedicesimo quando la conclusione di Rizzo, rimpallata, arriva nei piedi di Di Molfetta: il numero 8, da due passi, scaraventa la palla addosso a Poluzzi. Cinque giri di lancetta più tardi è Barisic a divorarsi una ottima occasione: il numero 17, innescato dalla sponda aerea di Di Piazza, conclude in area da destra a lato. Poi è lo stesso Di Piazza a tentare di mettersi in proprio, con una legnata dai 30 metri che mette i brividi a Poluzzi. Le ripartenze della Virtus, comunque, fanno paura: al 31' Perez da sinistra sfugge a Silvestri e impegna Furlan in una complicata presa a terra. L'ultima chance capita al Catania: al 39' trivela di Barisic, Di Piazza svetta su caporale ma il suo colpo di testa da buona posizione termina alto sulla trasversale. 

Viste le premesse del primo tempo ci si attende una ripresa in crescendo da parte degli interpreti rossazzurri: purtroppo non è così, con la Virtus che torna in campo ben più concentrata e battagliera. Al 50' brividi per Furlan, con Vazquez che da fuori area prende la mira e scocca uno splendido tiro a giro che si stampa sulla traversa: sul tiro cross di Albertini, poi, ancora il portiere del Catania è bravo a sventare. Due minuti dopo doppia chance per Perez. Il 10 dei pugliesi entra in area da sinistra servito da Risolo e impegna Furlan con un bel destro a giro: sulla respinta prova a mettere la palla sul secondo palo ma sbaglia misura. Rossazzurri involuti e numero 1 etneo ancora protagonista, quando smanaccia in angolo la girata di Risolo.

Lucarelli capisce che è il momento di inserire più qualità nel motore e mette dentro Sarno per l'evanescente Biondi. E' ancora Furlan, però, a ergersi a baluardo insormontabile, sventando di piede in maniera miracolosa un colpo di testa dell'onnipresente Vazquez. Dall'Oglio nel frattempo dà forfait: al suo posto entra Biagianti. L'ultimo vero brivido della gara è l'autorete sfiorata al 79' da Pinto: il terzino, infatti, gira improvvidamente di testa verso la sua porta una punizione messa in mezzo da Zenuni, con Furlan ormai incolpevole. Ancora Pinto, nel finale di gara, esce in barella dopo una brutta ginocchiata alla testa. Non c'è più tempo per altre emozioni. Il Catania è coriaceo e combattivo come vuole il suo allenatore: per portare a casa il bottino pieno, però, servirà più precisione e cattiveria davanti. 

Il tabellino:

Virtus Francavilla-Catania 0-0

Marcatori:

Virtus Francavilla (3-5-2): 28 Poluzzi; 15 Delvino, 17 Caporale, 5 Tiritiello (70' Nunzella); 16 Albertini, 27 Risolo (70' Di Cosmo), 4 Zenuni (79' Bovo), 11 Mastropietro (93' Marozzi), 19 Sparandeo; 10 Perez, 9 Vazquez. Allenatore: Trocini

Catania (4-2-3-1): 1 Furlan; 26 Calapai, 28 Esposito, 5 Silvestri, 20 Pinto; 18 Rizzo, 23 Dall'Oglio (76' Biagianti); 17 Barisic, 8 Di Molfetta (88' Manneh), 21 Biondi (62' Sarno); 9 Di Piazza (88' Curiale). Allenatore: Lucarelli

Arbitro: Daniele Perenzoni di Rovereto

Note: 7' di recupero. Ammoniti Vazquez, Tititiello, Zenuni, Delvino (Virtus Francavilla), Biondi (Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews