Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

V. Francavilla-Catania 0-0, ecco chi sale e chi scende
Furlan muro invalicabile: Barisic-Di Piazza imprecisi

Il protagonista assoluto del pareggio a reti inviolate tra Virtus Francavilla e Catania è Jacopo Furlan, decisivo in almeno tre occasioni: bene anche Calapai e Di Molfetta. In avanti, invece, polveri bagnate per il trio Barisic-Biondi-Di Piazza

Giorgio Tosto

Il Catania torna dalla trasferta di Francavilla con un pareggio utile a smuovere la classifica e a dare ulteriori certezze alla squadra a livello di fase difensiva e tenuta mentale. C'è ancora molto da fare, invece, in avanti. Un campanello d'allarme, però, deve sempre scattare quando il migliore della gara è il portiere: senza Jacopo Furlan, infatti, il risultato del Giovanni Paolo II avrebbe potuto essere ben diverso. E' lui l'indiscutibile man of the match della prima gara del 2020. 

Top 

Jacopo Furlan: La palma di migliore in campo spetta indiscutibilmente al numero 1 rossazzurro. Il portiere ha un ruolo fondamentale nel preservare il risultato. Nel primo tempo effettua una gran parata sulla punizione scagliata dal mancino di Zenuni, parando poi a terra una infida conclusione di Vazquez. Nel secondo tempo, invece, l'estremo difensore si supera prima sul destro angolato di Perez, poi sventando di piede un tiro del solito Vazquez. Preciso anche nelle uscite: una sicurezza per la retroguardia etnea. 

Top

Giovanni Di Molfetta: La sua prestazione non merita il 7 pieno in pagella perché anche lui, assieme a tutto il pacchetto offensivo, scompare gradualmente nel corso della seconda parte di gara. Nel primo tempo, però, il prodotto del vivaio del Milan è fondamentale nel cucire le fila del gioco tra centrocampo e attacco, chiamando Poluzzi a un grandissimo intervento sotto misura. Le sue accelerazioni creano sempre scompiglio e anche i suoi suggerimenti meriterebbero più fortuna. A fine gara viene sostituito, stremato, dal rientrante Manneh.

Top

Luca Calapai: Classica partita di grande corsa e sostanza per il numero 26 in maglia rossazzurra. Il terzino destro è bravo a rintuzzare le folate di Mastropietro, aiutando i centrali a contenere Perez e, al tempo stesso, producendosi in interessanti sovrapposizioni offensive. L'intesa con Barisic (più per colpa dello sloveno) non è eccellente: la qualità della manovra sulla catena di destra finisce inevitabilmente per risentirne. La sua prova però è senza dubbio sopra la sufficienza, sia per qualità che per quantità. Una certezza.

Flop

Maks Barisic: Gira a vuoto l'esterno d'attacco sloveno, rilanciato dal primo minuto in occasione di questa prima gara dell'anno. Sembra iniziare bene, ma sulla sua valutazione pesa come un macigno l'errore a inizio gara: su intelligente sponda di Di Piazza, infatti, il numero 17 si trova la porta spalancata ma finisce per concludere con un destro violento e impreciso. Anche il suo eccessivo utilizzo dell'esterno (sia in fase di conclusione che di suggerimento) è alquanto snervante: in Serie C bisogna imparare a riporre il fioretto nella custodia. Serve più praticità.

Flop

Matteo Di Piazza: L'equivoco sul suo posizionamento prosegue. Lucarelli, anche per mancanza di alternative (Curiale in partenza?) lo utilizza al centro dell'attacco, ma l'attaccante di Partinico darebbe con tutta probabilità il meglio di sé accanto a un centravanti, schierato sulla sinistra. Giocare spesso spalle alla porta, con almeno un difensore pronto a saltargli addosso, non fa per lui. Il risultato è una prova anonima, senza mordente e con tante, troppe palle perse sulla trequarti avversaria. 

Flop

Kevin Biondi: Stavolta l'enfant prodige del calcio catanese non stupisce, iniziando l'anno in maniera piuttosto anonima. Tanti appoggi sbagliati e molta confusione nella metà campo avversaria: il numero 21 non riesce mai ad incidere, perdendo l'occasione di andare al tiro e provando a pescare i compagni d'attacco con tempi di gioco errati. L'ammonizione rimediata a metà secondo tempo è il preludio alla sua uscita. Poco lucido, da rivedere. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews