Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il fruscìo delle banconote tra Proto e il funzionario
Nelle «pieghe oscure» della Regione i favori a Oikos

La tangentopoli dei rifiuti non puzza. Profuma di alberghi in piazza di Spagna, telefonate di rassicurazioni e «profonda amicizia». Quella che avrebbe legato i due condannati Mimmo Proto, patron della Oikos, e Gianfranco Cannova, dipendente pubblico

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Gli investigatori che registrano le conversazioni tra Mimmo Proto e Gianfranco Cannova incidono anche quello: il fruscìo delle banconote. Il patron della discarica Oikos di Motta Sant'Anastasia e il funzionario regionale sono i protagonisti del romanzo contenuto nella sentenza di primo grado. Ovvero quella che condanna l'imprenditore a sei anni e il dipendente pubblico a nove. La tangentopoli dei rifiuti puzza di alberghi in piazza di Spagna, a Roma, telefonate di rassicurazioni e di «pieghe», ma anche piaghe, «oscure dell'apparato». Quell'adagio secondo cui, alla Regione Siciliana, comandano i burocrati più che i politici sembra trovare conferma in 375 pagine fitte fitte di un rapporto «di amicizia» che, per il tribunale di Palermo, si è spinto troppo in là.

Ora che si alzano le voci per chiedere la revoca dell'Autorizzazione integrata ambientale all'impianto di smaltimento di Valanghe d'inverno, a Motta, il tema torna in prima pagina. Per anni, però, a parlarne erano stati i comitati No discarica. Sempre presenti nella mente e nei discorsi di Proto e Cannova: è grazie agli attivisti, a un'interrogazione dell'allora deputato Ars Giovanni Burtone e al lavoro dell'ex assessore ai Rifiuti ed ex magistrato Nicolò Marino che si muovono i primi, timidi tentativi di vederci chiaro sull'Aia concessa alla Oikos. Sempre stoppati dall'impegno di Cannova, impegnato a telefonare a colleghi e amici, a incontrare persone. A ringraziare, chinando il capo, Mimmo Proto. «Mimmo, non ti preoccupare, quelli che mi hai dato mi bastano...». «Una suite addirittura!». Il fruscìo dei soldi. Le ispezioni annunciate. I documenti portati a mano perché nel fax dell'ufficio «è finito l'inchiostro, e siccome ogni volta l'ha accattari iu (lo devo comprare io, ndr) l'inchiostro...».

Cannova, però, non lo fa per corruttela. Lo spiega lui, con foga, ai giudici in un memorandum che viene citato più e più volte. Scritto di suo pugno, firmato in calce, necessario a mettere nero su bianco la buona fede del funzionario che si sentiva «consulente privato più che dipendente pubblico». Anche perché coltivava il sogno di andarci a lavorare pure lui alla Oikos. Un percorso che, in effetti, qualcuno ha fatto. Come Federico Vagliasindi, non coinvolto nell'inchiesta Terra mia, docente di Ingegneria sanitaria e ambientale all'università di Catania e, oggi, super-esperto della discarica. Sebbene prima (siamo nel 2011) fosse consulente della Regione Siciliana. Nominato dall'ex governatore Raffaele Lombardo che, per capire se le proteste dei comitati fossero ben motivate (e per rispondere ai titoli di giornale sull'interrogazione di Burtone), mette in piedi una squadra.

Di esperti non ce n'è. Sono tutti burocrati regionali, con l'unica eccezione di Vagliasindi, appunto. «Vagliasindi non è un tecnico, ha competenze superficiali», dirà di lui Mimmo Proto, in una delle telefonate di conforto con Cannova. Mentre quest'ultimo lo rassicura: col professore di UniCt c'è già un appuntamento, devono incontrarsi presto. Le intercettazioni non lasciano scampo. Ed evidentemente il pensiero di Mimmo Proto, socio di Oikos insieme a diversi componenti della sua famiglia, non era il pensiero dell'azienda tutta. Perché poi il prof dalle «competenze superficiali» è saltato dall'altra parte del fosso: da controllore a consulente dei controllati.

Le motivazioni della sentenza vanno avanti a raccontare legami personali, rapporti amicali e intrecci politici. Una sera, a cena a Roma, dovevano esserci Proto, Cannova e Saverio Romano, all'epoca (ottobre 2011) ministro alle Politiche agricole. Un altro giorno, al telefono, c'è un esponente di Palazzo Madama: l'amico di sempre Mimmo Sudano, zio di Valeria, ex senatore. «Abbiamo predisposto la risposta e martedì la firma Berlusconi», lo rassicura. Cosa dovesse firmare Berlusconi la conversazione non lo esplicita e i giudici, nelle motivazioni, non lo approfondiscono. Certo è che per Proto e Cannova la Capitale è un posto di appuntamenti frequenti, di incontri per discutere di pratiche. Incluse quelle sull'annullamento in autotutela dell'Aia del 2009, di cui in quel periodo si parla tanto. E che poi, tra giudizi amministrativi e lungaggini burocratiche, non si farà.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews