Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Terremoto nell’Acese: crolla un muro di via Cefalù
Sgomberato pure un appartamento ad Aci Catena

Pochi secondi che hanno causato danno. Ecco un quadro generale di quanto accaduto questa mattina alle 12.48, dopo la scossa di magnitudo 2.5 che si è abbattuta nel territorio di Acireale. Danni in due case storiche di Aci Sant’Antonio

Carmelo Lombardo

Mattinata di paura nell’Acese, dove alle 12.48 si è registrata una scossa di magnitudo di 2.5, con epicentro ad Aci Sant’Antonio. La terra è tremata per pochi secondi, ma il tremore è stato avvertito soprattutto nella zone di Pennisi, Fiandaca e Santa Maria la Stella. La stessa area compresa tra Acireale e Aci Sant’Antonio che la notte del 26 dicembre 2018 fu colpita dalla scossa di magnitudo 4.8. Il terremoto di oggi ha causato il crollo di un muro in via Cefalù, piccola arteria che collega Aci Catena con via Cristoforo Colombo ad Acireale: la strada era già stata interdetta proprio dal 26 dicembre 2018. Sempre nella stessa zona, alcuni danni si sono registrati nei pressi della cereria Gambino.

Situazione monitorata ad Aci Sant’Antonio. Preoccupa la condizione di due immobili rurali di via Alfieri, sempre al confine con Acireale, considerati già inagibili, con quest’ultima scossa le fenditure si sarebbero aggravate. I tecnici incaricati dal Comune starebbero prendendo in considerazione l’ipotesi di chiudere la strada periferica. Controlli anche in tutte le sedi scolastiche di Santa Maria la Stella, ma al momento tutto sarebbe nella norma. 

Paura anche ad Aci Catena, dove si monitoria la faglia che passa da via Pozzo, via Consolazione e via Delle Olimpiadi: proprio in quest’ultimo tratto è stato emesso l’ordine di sgombero di un appartamento dove risiedeva un’anziana. Rimossi i blocchi di cemento in via Sciarelle, strada tra Acireale ed Aci Catena dove proseguono i lavori per l’abbattimento dell’edificio che attualmente costringe la chiusura di un tratto che collega le due città: i blocchi adesso verranno apposti nelle zone che hanno subito conseguenze da questa ultima scossa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews