Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gara settennale dei rifiuti: è di nuovo deserta
E la rivoluzione della spazzatura non si vede

Sembra diventata una tradizione. Nessuna offerta è stata presentata telematicamente all'Urega, l'ufficio regionale che si occupa delle gare d'appalto di questa portata. I tempi, dunque, si allungano. E la battaglia in Consiglio comunale è annunciata

Luisa Santangelo

Deserta, di nuovo. Non si è presentato nessuno alla gara settennale per la raccolta dei rifiuti nel Comune di Catania. L'esito, del resto, era stato annunciato da più parti. Quasi 334 milioni di euro di appalto (Iva esclusa), quattro lotti e nessuna impresa privata che si voglia caricare sulle spalle l'igiene urbana del capoluogo etneo. Cambiano le amministrazioni, ma l'esito resta uguale e l'annunciata rivoluzione della spazzatura della giunta di Salvo Pogliese si scontra contro il muro del silenzio delle ditte.

Entro le 13 di ieri le aziende avrebbero dovuto presentare le proprie offerte. Ma a sentire i titolari delle imprese private, si era intuito che l'aria non era proprio delle più favorevoli. Un utile d'impresa troppo basso (cioè pochissimi guadagni, a fronte di costi ingenti) a cui, secondo l'amministrazione, avrebbe dovuto fare fronte un meccanismo di premialità. Non sufficiente, evidentemente, per spingere i gestori del servizio a farsi vivi. A mettere nero su bianco queste e altre obiezioni era stata la Tech servizi, la società siracusana (già nota in provincia di Catania) che aveva presentato un articolato ricorso al Tribunale amministrativo regionale di Catania.

Tra gli ostacoli per la partecipazione alla gara d'appalto, gli avvocati di Tech servizi indicavano anche la poca chiarezza sulle procedure seguite per l'approvazione della Relazione allegata al piano d'intervento. Un vero e proprio documento alternativo, lungo 49 pagine, che il municipio e la Srr, società di regolamentazione dei rifiuti, hanno definito «un aggiornamento». Evitando così un nuovo passaggio in Consiglio comunale per l'approvazione da parte del senato cittadino: una procedura che avrebbe allungato ulteriormente i tempi. Con l'ennesima gara deserta, però, il risultato non è cambiato: la gara dovrà essere bandita di nuovo e, prima che questo accada, sarà necessario attendere i tempi dettati dalle norme.

Di questo risultato, c'è da giurarci, si discuterà ancora a lungo. Il Movimento 5 stelle di Catania probabilmente darà battaglia in aula consiliare, come aveva già fatto mesi fa per bocca del consigliere Graziano Bonaccorsi. Nei prossimi giorni si prevedono nuove sedute infuocate. La spazzatura, intanto, continuerà a essere raccolta secondo il vecchio metodo. Quello previsto da una gara ponte che avrebbe dovuto essere temporanea (130 giorni) e che, tra una proroga e l'altra, ha spento a settembre la prima candelina. Ad aggiudicarsela la catanese Dusty, che ha subappaltato parte dei servizi a Energetikambiente. La quarta proroga sembra scontata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews