Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, c'è il ribaltone in Consiglio comunale
Naso perde pezzi, la maggioranza è nel caos

L'assessore allo Sport Vito Rau si è dimesso stamattina e porta con sé i consiglieri Agata Marzola, Alfredo Sciacca, Tuccio Paternò e Roberto Faranda. In aula dovrebbe nascere il gruppo di Italia viva a sostegno del sindaco

Salvatore Caruso

Politica paternese in fermento e amministrazione e Consiglio comunale in subbuglio: una grande babele, un caos senza precedenti. Assessore e consiglieri comunali lasciano la maggioranza per approdare all’opposizione; uno o più esponenti della minoranza abbagliati dal progetto civico del sindaco Nino Naso e pronti a sposarlo; e ancora consiglieri, sulla carta, di maggioranza che hanno criticato aspramente la giunta Naso votando anche contro le sue delibere e che adesso tornerebbero sulla retta via. Nella mattinata di oggi si è dimesso dal suo incarico l’assessore allo Sport Vito Rau, dirigente regionale di Fratelli D’Italia, ma in giunta come espressione della lista civica Paternò on

Il gesto di Rau provoca una scossone dentro alla maggioranza: vanno via i consiglieri Agata Marzola, Alfredo Sciacca, Tuccio Paternò e Roberto Faranda. Questa mattina Rau nella lettera di dimissioni ha evidenziato che «non condivide più l’azione politico-amministrativa intrapresa dal sindaco», poiché ritiene «snaturato ormai il progetto politico da lui proposto durante la campagna elettorale». Lascia la giunta e le dimissioni sono irrevocabili, precisa. Contestualmente è arrivata la scelta dei consiglieri comunali di «dissociarsi dall'attuale maggioranza passando all'opposizione». Quindi, a conti fatti, Naso potrebbe contare in Consiglio su Filippo Sambataro, Tonino Cunsolo, Rosanna Lauria, Maurizio Giangreco, Salvo Tomasello, Giuseppe Gentile, Luca Zingale, Salvo Malerba, Ionella Rapisarda e Barbara Conigliello (queste ultime due con l’andare del tempo si sono rilevate delle vere e proprie spine nel fianco del primo cittadino paternese, ma sono sempre rimaste dentro la maggioranza). 

A breve dovrebbe transitare con Naso il consigliere Pietro Cirino, fino a ora all'opposizione e in Consiglio dovrebbe costituirsi, il condizionale è d'obbligo, il gruppo Italia viva. Tutto dipende da una prossima riunione con Luca Sammartino. L'opposizione, dunque, adesso si troverebbe ad avere numeri da maggioranza. E sarebbe composta da Anthony Distefano, Guido Condorelli, Pippo Orfanò, Emilia Sinatra, Giuseppe Lo Presti, Patrizia Virgillito (altro esponente del gruppo sammartiniano ma che non appoggerebbe la giunta), Martina Ardizzone, Claudia Flammia, Marco Gresta, Agata Marzola, Alfredo Sciacca, Tuccio Paternò e Roberto Faranda. «Ho creduto in un progetto che doveva essere di rilancio della città, con importanti e forti azioni che andavano compiute con determinazione e condivisione. Tutto questo è mancato. Forse qualcuno ha pensato che il ruolo del consigliere fosse quello di eseguire disposizioni senza poter dire altro», dice la consigliera Agata Marzola. 

Il partito di Fratelli d’Italia, per voce del suo coordinatore comunale Angelo Calenduccia, ha sottolineato che «Fratelli d’Italia nelle elezioni del 2017 ha sostenuto il sindaco Nino Naso con la lista Fratelli di Paternò, e continua coerentemente a sostenere l’attuale governo della città. Siamo dispiaciuti – aggiunge Calenduccia – che Vito Rau, Agata Marzola e Alfredo Sciacca tutti eletti Nella lista Paternò on, abbiano deciso, in tale veste, di togliere il loro appoggio al sindaco, analogamente a Tuccio Paternò eletto nella civica Nino Naso. La circostanza che successivamente abbiano aderito a FdI non può certo modificare l’atteggiamento di coerenza e di sostegno alla giunta da parte del partito». 

Sulla vicenda il sindaco Naso, per il momento non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Non è da escludere che nelle prossime ore possa procedere a un rimpasto di giunta con conseguente ridistribuzione delle deleghe. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews