Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Minacce a imprenditori per avere soldi, tre arresti
«Io non so rubare, ma so fare male alle persone»

«Se vai dai carabinieri, li lego insieme a te nel paraurti della macchina e ci facciamo un giro». Carmelo Scafidi, Salvatore Scafidi e Giuseppe Calcagno sono finiti in carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Guarda il video e le foto

Redazione

«Tu mi devi dare i soldi. Io penso che a qualcuno gli faccio male perché, giustamente, io non mi posso muovere. Devo andare a lavorare e non posso andare a lavorare, a rubare non ci so andare, ma a fare male alle persone lo so fare». Offese e frasi minacciose per convincere due imprenditori di Biancavilla a pagare. È con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso che sono finiti in carcere Carmelo Scafidi (di 51 anni), Salvatore Scafidi (di 45 anni) e Giuseppe Calcagno (di 44 anni). 

Le indagini della Direzione distrettuale antimafia di Catania, delegate ai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Paternò, hanno permesso di verificare anche che i tre sono ritenuti gravitanti in ambienti della criminalità organizzata attivi nel territorio di Adrano e nelle zone limitrofe. Insieme per diverso tempo, avrebbero minacciato e aggredito due imprenditori biancavillesi e avrebbero portato avanti pressanti e violente richieste estorsive, anche alludendo in modo esplicito alla loro appartenenza alla criminalità organizzata. 

Salvatore Scafidi

Carmelo Scafidi

Giuseppe Calcagno

«Mi sto seccando ora, non mi voglio seccare - è il contenuto di un'altra conversazione intercettata - Io ti voglio bene, tu non mi stai volendo bene a me, tu mi stai portando a un punto che mi devo comportare male, io non mi devo comportare male. Mi sono messo a disposizione, mi metto a disposizione se hai un problema con qualcuno mi puoi venire a chiamare, ti insegno la mia abitazione». Tutti e tre gli indagati avrebbero agito, facendo ricorso al metodo mafioso, per recuperare un credito vantato da una cooperativa - di cui uno solo era socio - nei confronti di un'altra cooperativa in fase di liquidazione e, quindi, in relazione alla quale le persone offese non avevano titolo a disporre pagamenti dei debiti pregressi.

È inoltre emersa dalle indagini una assoluta indifferenza rispetto al possibile intervento delle forze dell'ordine: «Se te ne vai dai carabinieri, li porti qua, e li lego insieme a te nel paraurti della macchina e ci facciamo un giro per la strada!». Su disposizione dell’autorità giudiziaria, gli arrestati sono stati portati nella casa circondariale Bicocca di Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews